Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Wall-E

Wall-E



Wall-E

Titolo Originale: Wall-E
Nazione: U.S.A.
Anno: 2008
Genere: Animazione, Avventura
Durata: 97'
Regia: Andrew Stanton
Sito ufficiale: www.disney.go.com/disneypictures/...
Sito italiano:
www.disney.it/Film/Wall-E/

Cast (voci): Fred Willard, Jeff Garlin, Ben Burtt

Produzione: Pixar Animation Studios, Walt Disney Pictures
Distribuzione: Walt Disney Studios Motion Pictures Italia
Data di uscita: 17 Ottobre 2008 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 1 - Media Voto: 4 Stelle)



Dopo aver trascorso centinaia di anni solitari facendo ciò per cui era stato costruito - ripulire il pianeta - W.A.L.L.E (che sta per Waste Allocation Load Lifter Earth-Class - Sollevatore terrestre di carichi di rifiuti) trova un nuovo scopo nella sua vita (oltre a collezionare cianfrusaglie) quando incontra un affusolato robot ricognitore di nome EVE. EVE si rende conto che W.A.L.L.E è involontariamente incappato nella chiave che assicurerà il futuro del pianeta, e torna di corsa nello spazio per riferire le sue scoperte agli umani (che sono ansiosi di sapere di poter tornare a casa senza rischi). Nel frattempo, W.A.L.L.E segue EVE per tutta la galassia, dando vita ad una delle avventure comiche più fantasiose ed emozionanti mai portata sul grande schermo.




Wall-E
E’ bruttissimo!!!, questo il commento di mia figlia di 4 anni e mezzo all’uscita della proiezione di Wall-E, ultimo capolavoro della Pixar. Perché in realtà, anche questa volta, i maghi della casa della luce da tavolo, hanno creato un’opera d’arte bellissima, complessa e meravigliosa, ma è un film adulto per adulti, difficile da capire per dei bambini così piccoli. Per i primi 20 minuti i personaggi sono muti, l’azione è inesistente e il ritmo lento. Niente colori pop, i marroni e i grigi dominano su una terra desolata e abbandonata, dove si aggira solitario il robottino Wall-E, ultimo della sua specie, che tutte le mattine compatta i rifiuti e porta nel suo rifugio tutti quegli oggetti che attirano la sua attenzione. L’arrivo di un robot iper tecnologico, Eve, cambierà la sua routine, sempre uguale.
Fino a quando i due robot si trovano sulla Terra il film procede in modo sorprendente, per le scelte estreme adottate da Andrew Stanton, la malinconia e la solitudine sono i sentimenti che permeano tutta la prima parte, la scelta del sonoro e delle musica è incredibilmente innovativa, l’incontro tra i due robot viene affrontato in modo non banale.
Quando però, dopo la scena più straziante del film in cui Wall-E si vede portare via Eve, i due robot si ritrovano sull’astronave diventata rifugio per il genere umano, scappato da una Terra sommersa dai rifiuti e ormai inospitale, le scelte si fanno più convenzionali.
Sull’astronave gli esseri umani si sono adagiati sulle macchine e possono vivere solo grazie a loro, sono diventati obesi nulla facenti e nulla pensanti, saranno un manipolo di robot impazziti e l’amore di Wall-E per Eve a salvarli.
E’ impossibile non commuoversi davanti a questi robot più umani degli uomini, che provano emozioni, si innamorano, si baciano, si disperano, desiderano, mentre gli essere umani sopravvivono incapaci di camminare, di toccarsi, di guardare oltre uno schermo, soprattutto incapaci di stupirsi, caratteristica principale di Wall-E, che con i suoi grandi occhi scruta il mondo, o meglio ciò che ne rimane, con immensa meraviglia, capace di trovare poetica una lampadina, un accendino, capace di provare emozione per una stretta di mano.
Un futuro apocalittico quello prospettato dai disegnatori della Pixar da cui potremmo salvarci solo imparando a emozionarci ancora davanti al fuoco di un accendino o sognando con un vecchio musical.

La frase: Io voglio vivere, non sopravvivere!!!!!.
Elisa Giulidori

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Gli amori folli
3.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
4.   A Single Man
5.   Oceani 3d
6.   Up
7.   G-Force: Superspie in missione
8.   Nine
9.   The Last Song
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)