Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Pinocchio

Pinocchio



Titolo Originale: Pinocchio
Conosciuto anche come:
Nazione: Italia
Anno: 2019
Genere: Fantastico
Durata:
Regia: Matteo Garrone
Sito ufficiale:

Cast: Roberto Benigni, Marine Vacth, Marcello Fonte, Davide Marotta, Rocco Papaleo, Federico Ielapi
Produzione: Archimede, Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Distribuzione: 01 Distribution
Data di uscita: 19 Dicembre 2019 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 1 - Media Voto: 5 Stelle)



Pinocchio è un burattino, nato dalle mani di mastro Geppetto, che prende vita e sogna di diventare un bambino come tutti gli altri…



Scritta dal Carlo Lorenzini detto Collodi, la storia del pestifero burattino di legno che voleva diventare un normale bambino come gli altri la conosciamo praticamente tutti; tanto più che, dopo l’invenzione delle immagini in movimento, ha avuto non poche volte modo di finire sullo schermo, dal mediometraggio muto “Pinocchio”, firmato nel 1911 da Giulio Antamoro, a un film d’animazione proposto quasi cento anni più tardi da Enzo D’Alò.
Tutte versioni che, in ogni caso, non reggono affatto il confronto con la insuperabile mini-serie televisiva “Le avventure di Pinocchio”, interpretata nel 1972 da Nino Manfredi sotto la regia di Luigi Comencini e della quale, a tratti, in questa rilettura a cura di Matteo Garrone sembrano essere emulate le mitiche musiche che vennero composte da Fiorenzo Carpi.

Una rilettura che sfrutta il trucco classico alla vecchia maniera per poter trasformare Federico Ielapi nel piccolo protagonista, il cui creatore/babbo è il falegname Geppetto incarnato da un Roberto Benigni che non esita ad adattare al personaggio la propria personale maniera di far ridere.
Soltanto il primo grande nome di un importante e decisamente in forma cast che, oltre a Rocco Papaleo e Massimo Ceccherini calati nei panni dei truffaldini Gatto e Volpe, include Alida Baldari Calabria e Marine Vacth in quelli della Fata da bambina e da adulta, il Davide Marotta di “Phenomena” nel doppio ruolo del Grillo parlante e di un burattino e un Gigi Proietti Mangiafuoco.
Senza contare Teco Celio che, nascosto dietro le scimmiesche fattezze del giudice del Palazzo di giustizia, non solo sembra lanciare una frecciatina all’Italia nell’affermare “In questo paese gli innocenti vanno in prigione”, ma provvede anche ad alimentare la varietà di individui dai connotati animaleschi atti ad aumentare il fantastico clima da fiaba.

Una fiaba mirata, come di consueto, a delineare il percorso di crescita verso la maturità e che l’autore di “Dogman” non manca neppure di infarcire con una mutazione in asino dagli echi provenienti in maniera evidente da quella licantropia vista in “Un lupo mannaro americano a Londra” di John Landis.
Del resto, man mano che, in maniera curiosa, sono diversi accenti – dal toscano al napoletano – ad avvicendarsi durante lo svolgimento, non risultano assenti toni dark dispensati dalla splendida fotografia a cura di Nicolaj Bruel nel corso delle oltre due ore di visione.

Oltre due ore di visione che, visivamente affascinanti grazie anche al fondamentale apporto del lodevole lavoro svolto dai reparti scenografici e dei costumi, non hanno nulla da invidiare, per quanto riguarda la resa stilistica, a molto più costosi blockbuster d’oltreoceano.
Finendo, però, dopo una convincente partenza, per rischiare più volte d’infiacchirsi narrativamente con l’avanzare dei fotogrammi; tanto da rimanere uno spettacolo sorprendente sì per gli occhi, ma non molto per il cuore, in quanto piuttosto freddo e difficilmente capace di regalare emozioni autentiche.
Con le parti migliori individuabili proprio nei pochi momenti in cui abbiamo in scena colui che ci regalò “La vita è bella”, qui sicuramente meritevole di premi di rilievo per la sua performance.
La frase dal film:
Ma questo è uno dei più bei pezzi di legno che abbia mai visto in vita mia

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Gli amori folli
3.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
4.   A Single Man
5.   Oceani 3d
6.   Up
7.   G-Force: Superspie in missione
8.   Nine
9.   The Last Song
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi
  Downton Abbey

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)