Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2018
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Sezione privata

Scheda Film: El campo

El campo



El campo

Titolo Originale: El campo
Nazione: Argentina, Italia, Francia
Anno: 2011
Genere: Drammatico
Durata: 85'
Regia: Hernán Belón
Sito ufficiale: www.elcampo.it

Cast: Leonardo Sbaraglia, Dolores Fonzi, Juan Villegas, Pochi Ducasse, Matilda Manzano

Produzione: Bastiana Films, Skydancers, Cinecittà Luce, Ciné-Sud Promotion, Zona Audiovisual, Instituto Nacional de Cine y Artes Audiovisuales (INCAA)
Distribuzione: Cinecittà Luce
Data di uscita: 31 Agosto 2012 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 0 - Media Voto: 0 Stelle)



La casa in campagna appena acquistata da due giovani coniugi, Santiago ed Elisa, con una bambina piccola, si trasforma ben presto in un luogo inquietante. Non soltanto lo spazio domestico, ma anche l'ambiente rurale, il vuoto circostante e la gente del circondario mettono sempre più a disagio Elisa, perennemente allarmata da ogni rumore notturno, ogni visita inaspettata, ogni circostanza che la trova impreparata. Anche i rapporti affettivi e sessuali tra Santiago ed Elisa subiscono il contraccolpo di questa nuova situazione. Tutto ciò sta progressivamente destabilizzando non soltanto l'equilibrio della coppia, ma anche quello psichico della donna, allarmata tra l'altro per l'incolumità della bambina dentro una cornice di eventi, persone, animali, luoghi, improvvisi sbalzi d'umore.




El campo

Opera prima dell’argentino Herman Belon, El campo racconta la vita quotidiana di una giovane coppia di sposi che decidono di trasferirsi in campagna con la loro figlioletta di un anno e mezzo, Matilde. Lontani dalla confusione e dal caos della vita cittadina i due hanno delle reazioni opposte e così se Santiago, interpretato da Leonardo Sbaraglia, resta affascinato dalla calma e tranquillità della campagna che lo accoglie amorevole e pacifica, dall’altra parte Elisa, interpretata da una bravissima Dolores Fonzi, si trova spaesata, spaventata dai rumori della casa vecchia a scricchiolante e dalle pochissime persone che la circondano. Amore e odio, pace e paura sono i sentimenti contrapposti che cominciano a minare la stabilità della coppia. Ombre sopite, rumori sconosciuti creano una tensione latente che potrebbe sfociare in una sorta di horror spettrale, in un thriller o in uno psicodramma, ma così non accade, viene meno grazie ai ritmi appassionati dei due sposini che ogni notte sembrano ritrovarsi fra le lenzuola. La nevrosi e la paura di Elisa va ogni giorno crescendo scatenandosi in momenti di rabbia e di irrequietezza, solo quando riuscirà ad aprirsi al mondo che la circonda troverà la forza di capire cosa le sta accadendo. La campagna così pacifica e accogliente è per lei un mondo solitario, isolato, che la esclude, come una prigione da tutti e da tutto e la spinge ad avere paura della vita e della morte, a tutto questo si aggiunge forse un’insoddisfazione personale di mancata realizzazione professionale che questo luogo sembra precluderle. El campo è basata sulla dimensione quotidiana, tutto scorre lentamente e inesorabilmente ed è da questo che scaturisce la decisione del regista di utilizzare ritmi rallentati, al fine di ricostruire i ritmi di vita naturale. Ecco quindi lunghe sequenze sulle piccole e quotidiane attività, sul vento, sulla pioggia, sulla polvere e sugli animali. Emerge una dimensione bucolica, che affascina Santiago e snatura Elisa, ciò che lui vede bello, lei lo vede brutto e pericoloso. Non vi è orrore, ma c’è una dimensione minacciosa latente e così la campagna diventa una dei protagonisti del film, una creatura dal volto ambivalente in base al punto di vista di chi la guarda. E’ un ritorno alle origini che si conclude con la rassegnazione e la perdita di un sogno, il finale resta aperto e lasciato all’interpretazione dello spettatore. Non c’è lieto fine, perché ciò che interessa al regista è sottolineare la fragilità umana e le miserie umane. La trama è semplice ed è chiaro l’intento del regista di colpire lo spettatore a livello emozionale più che logico. I dialoghi sono scarni e ridotti all’essenziale e alla quotidianità, non c’è nulla di strano, non c’è alcun evento esterno che sconvolga le loro vite, sono loro stessi che alimentano la situazione di tensione non riuscendo a comunicare, a farsi ascoltare e ad ascoltare l’altro.

La frase:
Se uno non vuole che succeda qualcosa di brutto, non succede, è così.
a cura di Federica Di Bartolo

Go Back - Stampa

Preferenza
 


 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   A Single Man
3.   Gli amori folli
4.   Oceani 3d
5.   Up
6.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
7.   Nine
8.   L'uomo nell'ombra
9.   The Last Song
10.   G-Force: Superspie in missione

Ultime schede
  Show Dogs - Entriamo in scena
  Si muore tutti democristiani
  Arrivano i prof
  Tonno spiaggiato
  Io sono Tempesta
  The Happy Prince
  Il mio nome è Thomas
  Io c è
  Rabbit School - I guardiani dell Uovo d Oro
  La Forma dell Acqua - The Shape of Water

Statistiche
Utenti On Line: 10


P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)