Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Jane Eyre

Jane Eyre



Jane Eyre

Titolo Originale: Jane Eyre
Nazione: U.S.A.
Anno: 2011
Genere: Drammatico
Durata: 120'
Regia: Cary Fukunaga
Sito ufficiale: http://focusfeatures.com/jane_eyre
Sito italiano:
www.videa-cde.it/janeeyre

Cast: Mia Wasikowska, Jamie Bell, Su Elliot, Holliday Grainger, Tamzin Merchant, Amelia Clarkson, Craig Roberts, Sally Hawkins, Lizzie Hopley, Jayne Wisener, Emily Haigh

Produzione: Ruby Films
Distribuzione: Videa CDE
Data di uscita: 07 Ottobre 2011 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 0 - Media Voto: 0 Stelle)



Una donna fragile e forte, un'eroina senza tempo, appassionata e oscura, percorre prati, corridoi e castelli dell'Inghilterra del XIX secolo. Amore, passione, dolore, sogni e paure in un film che seduce, sorprende e commuove. Jane, dopo un'infanzia di crudeltà, é determinata a vivere la propria vita senza paura, intensamente. L'incontro con Rochester le spalancherà le porte di un amore travolgente, segnato però, da incomprensibili lampi di tenebra e inquietudine. Un folle segreto la terrà lontana dalla felicità e la porterà a reinventarsi ancora una volta, salvo poi capire, finalmente, di poter esistere solo nell'amore, ad ogni costo. L'audace rilettura in chiave gotica di un capolavoro della letteratura di tutti i tempi ci accompagna in un incubo da sogno, come solo le grandi storie sanno fare.




Sempre difficili sono state, dall’alba dei tempi, la ricerca di se stessi e la scoperta del proprio corpo, quello celato oltre la pelle, con i suoi comportamenti e quel che è capace di fare in determinate circostanze, e sicuramente ancor più complicato lo era nel XIX secolo, periodo in cui è ambientato Jane Eyre, film in costume in una tetra Inghilterra di duecento anni fa, in uscita nelle sale il prossimo 7 ottobre. Nessuno sa com’era perché nessuno ha vissuto tanto a lungo, ma le testimonianze letterarie e le rappresentazioni parlano chiaro, e in questo caso, Jane Eyre riproduce egregiamente le condizioni di vita, i severi insegnamenti, le perfette location (grazie allo scenografo Will Huges-Jones, alla sua prima opera cinematografica) e, soprattutto, quello che probabilmente oggi definiremmo un eccessivo riguardo verso la religione, nei quali si era costretti a vivere allora.
Diretto da un giovane Cary Joji Fukunaga (regista del premiato Sin Nombre), Jane Eyre racconta la storia di una ragazza che trascorre forse nel peggiore dei modi i suoi primi diciotto anni di vita: cacciata di casa, punita nel collegio di Lowood, stordita e confusa quando, da sola, varca la soglia dell’adolescenza oltre la quale è udibile lo scalpitio di emozioni sconosciute, deliberatamente ingannata in quello che dovrebbe essere il giorno più felice della sua vita.
Sebbene nei precedenti adattamenti dell’omonimo romanzo si fossero utilizzate attrici di elevatissimo calibro, ma sempre e comunque donne, in questo, Fukunaga non tradisce l’atmosfera che avvolge i personaggi, e chiama in causa una giovanissima Mia Wasikowska, che a soli diciannove anni, dopo circa un anno da Alice in Wonderland, dà prova di se stessa in una magistrale interpretazione da Oscar, accompagnata da un profondo Michael Fassbender (nel ruolo di Edward Rochester), col quale la giovane attrice ha stretto un’intensa assonanza, e si sente, dietro le quinte della pellicola.
Cresciuta sull’onda del rigore e dell’obbedienza, Jane è una ragazza alla scoperta del mondo e delle persone che lo vivono, coi loro pregi e i loro innumerevoli difetti, e ha un’innata autostima e un’incredibile capacità di agire valutando ciò che è giusto per se stessa in quanto individuo. Ovunque vada sembra trascinarsi dietro una maledizione, frutto delle continue punizioni ricevute, che la portano a vedere ogni luogo come cupamente misterioso, e a sentire suoni che magari non sono mai esistiti, riprodotti da Fukunaga con inquadrature sempre ravvicinate e di spalle all’inatteso, nelle quali è concesso di entrare solo al vento tra le foglie o agli spifferi tra le fessure di una porta, con uno stampo a metà strada tra quello argentiano e quello hitchcockiano.
Ma per quanto Jane sia responsabile, è ancora piccola, e l’essere cresciuta tra sole donne non l’ha aiutata, sentimentalmente parlando.
Ha ancora bisogno di fare esperienze, di fidarsi, e specialmente di accettare. Di accettare una verità, di accettare un difetto, di accettare le menzogne a fin di bene. È proprio su un’accettazione mancata, infatti, che comincia il film, che si snoda via facendo sulla base di una serie di flashback fino al punto di partenza, tra movimenti di macchina dolci e tremolanti a mano, per dipanarsi in un continuo barcamenare tra passato e presente, al fine di mostrare allo spettatore come sia scombussolato il suo stato d’animo, quanto di brutto abbia vissuto, ma anche quanto di bello si sia lasciata sfuggire, e di cosa ha dovuto vivere poi per rendersene conto.

La frase:
Non ho mai visto la città, non ho mai parlato con un uomo.
a cura di Ivan Germano

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Gli amori folli
3.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
4.   A Single Man
5.   Oceani 3d
6.   Up
7.   G-Force: Superspie in missione
8.   Nine
9.   The Last Song
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)