Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Qualunquemente

Qualunquemente



Titolo Originale: Qualunquemente
Nazione: Italia
Anno: 2011
Genere: Commedia
Durata: 96'
Regia: Giulio Manfredonia
Sito ufficiale: qualunquemente.libero.it

Cast: Antonio Albanese, Sergio Rubini, Lorenza Indovina, Salvatore Cantalupo, Luigi Maria Burruano, Antonio Gerardi, Gianluca Cammisa
Produzione: Fandango
Distribuzione: 01 Distribution
Data di uscita: 21 Gennaio 2011 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 8 - Media Voto: 4 Stelle)



Perché Cetto La Qualunque torna in Italia dopo una lunga latitanza all'estero? E' stata una sua scelta? O qualcuno trama nell'ombra? Con lui arrivano anche una bella ragazza di colore ed una bambina di cui non riesce a ricordare il nome: la sua nuova famiglia. Al ritorno in patria Cetto ritrova il fidato braccio destro Pino e la famiglia di origine: la moglie Carmen e il figlio Melo.
I vecchi amici lo informano che le sue proprietà sono minacciate da un'inarrestabile ondata di legalità che sta invadendo la loro cittadina. Le imminenti elezioni potrebbero avere come esito la nomina a sindaco di Giovanni De Santis, un pericoloso paladino dei diritti. Così, Cetto, dopo una lunga e tormentata riflessione in compagnia di simpatiche ragazze, non ha dubbi e decide di salire in politica per difendere la sua città. La campagna elettorale può cominciare...




Come un po’ tutti i personaggi che popolano il piccolo schermo tricolore, era prevedibile che, prima o poi, anche il depravato, ignorante e corrotto imprenditore calabrese Cetto La Qualunque – nato nel 2003 all’interno della trasmissione Rai "Non c’è problema" e raggiunto il consenso del pubblico nel programma Mediaset "Mai dire domenica" – sarebbe stato sfruttato in ambito cinematografico.
E, ovviamente, sotto la regia del Giulio Manfredonia che già lo diresse in "E’ già ieri", del 2004, è il comico Antonio Albanese a concedergli anima e corpo all’interno di una vicenda che, dopo una lunga latitanza all’estero, lo vede impegnato a farsi eleggere sindaco della propria cittadina, in quanto venuto al corrente del fatto che sue proprietà sono minacciate da un’inarrestabile ondata di legalità pronta ad invadere il posto tramite la figura del candidato Giovanni De Santis alias Salvatore Cantalupo.
Una vicenda che, tirando in ballo l’immaginario PDP, ovvero il Partito du pilu, lascia sicuramente (intra)vedere allegorici riferimenti (volontari?) agli scandali legati al berlusconismo d’inizio XXI secolo, sfruttando però simboli e colori che sembrano attingere da un po’ tutto il panorama politico dello stivale.
Del resto, mentre strappa risate nel chiedersi se sia legale schierarsi dalla parte della legge e nell’obbligare il figlio a non indossare il casco quando va in moto, poco c’interessa sapere se rientri nella destra o nella sinistra il grottesco cafone del sud Italia convinto che non siano le donne a dover entrare in politica, ma che sia essa a dover entrare in loro.
Un cafone che non paga le tasse per paura che poi gli venga la voglia di continuare a farlo e il cui motto è "più pilu e cemento armato"; mentre a contornarlo sono, tra gli altri, la povera moglie Carmen interpretata da Lorenza Indovina, Jerry alias Sergio Rubini, impegnato a fargli da suggeritore per il comportamento da assumere nel periodo delle elezioni, e una bella ragazza di colore con le fattezze di Veronica Da Silva, alla quale si è legato quando era all’estero, ma che chiama "Cosa" perché non ne ricorda il nome.
Tutti al servizio di una lunga barzelletta su celluloide il cui umorismo, però, tenendo in considerazione le drammatiche tematiche affrontate, non sembra celare troppo un certo velo d’amarezza, tanto da ricordare in alcuni punti le commedie più feroci di Mario Monicelli.
Anche se qui, più che dalle parti del cinema vero e proprio, l’impressione è quella di trovarsi dinanzi ad uno spettacolo teatrale trasposto su pellicola che, pur tendendo ad afflosciarsi nel corso della sua parte centrale, viene gestito a dovere da Manfredonia, il quale confeziona un prodotto capace di andare leggermente al di sopra della media, intrattenendo in maniera efficace il pubblico.

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   A Single Man
3.   Gli amori folli
4.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
5.   Oceani 3d
6.   Up
7.   Nine
8.   G-Force: Superspie in missione
9.   The Last Song
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Aladdin
  Cyrano mon amour
  Avengers: Endgame
  Ma cosa ci dice il cervello
  Bentornato Presidente!
  Dumbo
  Captain Marvel
  Non sposate le mie figlie 2
  Rex - Un Cucciolo a Palazzo
  Domani è un altro giorno

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)