Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2017
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Trovacinema
Sale della comunita
Portale Cinema ChiesadiMilano
Opera in Cinema
Parco Naviglio

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Sezione privata

Scheda Film: Thor: Ragnarok

Thor: Ragnarok



Titolo Originale: Thor: Ragnarok
Nazione: U.S.A.
Anno: 2017
Genere: Azione, Fantastico
Durata:
Regia: Taika Waititi
Sito ufficiale:

Cast: Chris Hemsworth, Tom Hiddleston, Benedict Cumberbatch, Idris Elba, Cate Blanchett, Jaimie Alexander, Anthony Hopkins, Tessa Thompson, Mark Ruffalo
Produzione: Marvel Entertainment, Marvel Studios
Distribuzione: Walt Disney Studios Motion Pictures Italia
Data di uscita: 25 Ottobre 2017 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 1 - Media Voto: 4 Stelle)



Thor, senza il suo potente martello, imprigionato dall’altro lato dell’Universo e alle prese con una lotta contro il tempo per tornare ad Asgard e bloccare Ragnarok - la distruzione del suo pianeta e la fine della civiltà asgardiana - per mano di una potente, nuova minaccia, la spietata Hela. Ma prima dovrà sopravvivere a un mortale scontro nell’arena dei gladiatori che lo porrà contro il suo ex- alleato e amico, l’Incredibile Hulk.

Film correlati:
Thor
Thor: The Dark World



Un re saggio non cerca mai la guerra, ma deve sempre essere pronto quando arriva.
È uno scontro con il demone del fuoco dall’aspetto satanico Surtur ad introdurre il terzo lungometraggio cinematografico interamente dedicato all’asgardiano biondo dei fumetti Marvel che, ancora una volta incarnato dall’idolo delle donne Chris Hemsworth, abbiamo avuto modo di vedere in azione anche nelle avventure collettive da grande schermo di quei Vendicatori meglio conosciuti come Avengers. Lungometraggio che, volto a ribadire che Asgard non è un luogo, bensì un popolo, vede Thor, imprigionato sul pianeta Sakaar e privato del suo possente martello, che tenta in ogni modo di tornare nella dimora degli dei asgardiani per fermare la pericolosa Hela alias Cate Blanchett ed impedire la distruzione che verrebbe provocata dal Ragnarok, leggendaria battaglia tra le forze delle tenebre e quelle della luce.
E, se da un lato ritroviamo in scena sia Tom Hiddleston nei panni di Loki che Idris Elba in quelli della sentinella asgardiana Heimdall, fanno la loro entrata nuovi personaggi quali la guerriera Valchiria di Tessa Thompson, il bizzarro Gran Maestro di Jeff Goldblum, il cui passatempo preferito è far duellare forme di vita inferiori all’interno di un’arena intergalattica, e il guerriero Skurge di Karl Urban, che non manca di sfoderare ironia fin dalla sua prima apparizione.
Ma, tra immancabile, esilarante cameo per il genio marveliano Stan Lee e una grottesca rappresentazione teatrale de “La tragedia di Loki di Asgard” (!!!), è proprio l’eccessivo ricorso all’umorismo a penalizzare il film diretto dal neozelandese Taika Waititi, che, oltre a nascondersi dietro le fattezze del roccioso gladiatore Korg, sostituisce dietro la macchina da presa il Kenneth Branagh responsabile del fiacco capostipite e l’Alan Taylor che si occupò nel 2013 del riuscito sequel “Thor: The dark world”.
Riuscito sequel destinato a rimanere il tassello più coinvolgente di quella che, almeno per ora, è una trilogia; in quanto, come già accennato, queste nuove due ore e dieci di visione arrivano a sfiorare i connotati di una barzelletta in fotogrammi tirata per le lunghe a causa della continua propensione da parte dello script di infarcirsi di battutine e gag neanche troppo divertenti.
La inevitabile, negativa conseguenza della non molto convincente tendenza intrapresa dai cinecomic degli anni Dieci del ventunesimo secolo, sempre meno mirati a prendersi sul serio e continuamente intenti a strizzare l’occhio al pubblico dei teen-ager cui, probabilmente, strappa risate il fatto che il dio del tuono commenti imbarazzato le invidiabili dimensioni del membro di un nudo incredibile Hulk fuori campo (!!!).
L’incredibile Hulk che, nuovamente interpretato da Mark Ruffalo, intraprende con il protagonista anche un duello nell’arena di cui sopra, nel corso di una delle rare memorabili sequenze di un terzo capitolo incapace di camuffare la propria pochezza di fondo sia dietro il tripudio di stancanti effetti digitali che tramite il banale sfruttamento della già troppo sfruttata “Immigrant song” dei Led Zeppelin in un paio di momenti di combattimento.
La frase dal film:
“Io sono la rovina di Asgard e lo sei anche tu”

Go Back - Stampa

Preferenza
 


 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   A Single Man
3.   Gli amori folli
4.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
5.   Up
6.   Nine
7.   L'uomo nell'ombra
8.   The Last Song
9.   Oceani 3d
10.   G-Force: Superspie in missione

Ultime schede
  Coco
  Wonder
  Assassinio sull Orient Express
  Gli sdraiati
  Nut Job 2: Tutto molto divertente
  La signora dello zoo di Varsavia
  La Sirenetta
  Borg McEnroe
  Paddington 2
  Vittoria e Abdul

Statistiche
Utenti On Line: 1


P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)