Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Io, loro e Lara

Io, loro e Lara



Titolo Originale: Io, loro e Lara
Nazione: Italia
Anno: 2009
Genere: Commedia
Durata: 115'
Regia: Carlo Verdone
Sito ufficiale: it.movies.yahoo.com/ioloroelara

Cast: Carlo Verdone, Laura Chiatti, Angela Finocchiaro, Anna Bonaiuto, Marco Giallini, Sergio Fiorentini
Produzione: Warner Bros.
Distribuzione: Warner Bros.
Data di uscita: 05 Gennaio 2010 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 1 - Media Voto: 2 Stelle)



Carlo Mascolo é un prete missionario che durante l'ultimo viaggio in Africa é caduto in una profonda crisi spirituale. Rientrato a Roma per prendersi un periodo di riflessione, si ritrova, suo malgrado, una situazione familiare strampalata: il padre é ossessionato dall'idea di ritornare giovane; il fratello, broker di professione ha una passione sfrenata per le donne e sua sorella, quella che potrebbe aiutarlo più di tutti visto che é una psicologa, non riesce a capirlo. Come se tutto questo non fosse sufficiente, ecco comparire Lara, una ragazza che metterà il suo animo in subbuglio...



Non so se l’ultima fatica di Carlo Verdone possa realmente rappresentare una svolta nella carriera artistica del regista ed attore romano, certamente però è un tentativo, come da lui stesso affermato in conferenza stampa, di smarcarsi da un certo tipo di personaggio, il borghese volgare e cialtrone, del quale si dichiara stufo perché "non voglio morire di solo cinema" ma, evidentemente, gettarsi nel periglioso mare dei contenuti e dei messaggi.

"Io, Loro e Lara" rappresenta, quindi, un tentativo, di un cinema leggermente più impegnato e con uno sguardo, sempre divertito e divertente però, verso il sociale. Ci si trasferisce, dunque, in una sfera più intima nel raccontare la storia di un prete di ritorno da una missione in Africa, con una crisi di fede, che cerca rifugio nella propria famiglia dalla quale vorrebbe ricevere un sostegno per i dubbi che lo attanagliano ma nella quale nessuno sembra capace, o disponibile, ad ascoltarlo. Il padre si è risposato con una donna moldava, i fratelli sono preoccupati del patrimonio del depauperamento del quale accusano la nuova fiamma del padre, e la figlia della "matrigna", Lara, ha un grosso problema da risolvere.
Tutti chiedono qualcosa al povero Don Carlo, tutti senza dare nulla in cambio. In più, aggiungiamoci una psicologa sull’orlo di una crisi di nervi che scambia il prete per il proprio marito defunto, ed il quadro, tragicomico, è bello che completato.

In un film che brilla per la coralità dei personaggi, tutti dotati di sufficiente spessore e tratteggio psicologico, volente o nolente, è però la personalità di Verdone attore che spicca tra gli altri.
Nonostante le "buone" intenzioni del regista ed autore di cercare di fare un film "diverso", i momenti migliori, i più brillanti, sono proprio quelli in cui la sua verve comica fuoriesce irresistibile ed inarrestabile. Da applausi la (auto) citazione del protagonista di "Borotalco" o la sequenza in cui, per apparire un sacerdote più "credibile", per qualche momento si riveste della maschera del prete untuoso e all’antica delle sue gag alle quali siamo tanto affezionati. Solo nella seconda parte del film quando, dopo un inizio macchinoso e balbettante (forse si è preteso troppo da alcuni attori ancora acerbi per certi ruoli, il discorso funebre della Chiatti sembra la corsa di un acrobata su una fune, ci ha tenuti tutti con il fiato sospeso), l’opera trova un suo equilibrio ed anche una sua nobiltà. Perché quello che si percepisce dal lavoro di Verdone e dei suoi compagni di viaggio, al di là del minore o maggiore valore artistico, è la sincerità dei concetti espressi: tolleranza, accettazione, negazione del pregiudizio, ma anche il tentativo di mettere in luce le contraddizioni della società occidentale, tanto opulenta quanto incapace di vivere serenamente. Idee espresse con la semplicità e la autenticità propria del Carlo Verdone, bravo ragazzo "malincomico", come il Leo di "Un Sacco Bello", impossibile da non amare.

La frase: "Sapete che ve dico? Che me manca tanto l’Africa!".

Daniele Sesti

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
3.   Oceani 3d
4.   Gli amori folli
5.   A Single Man
6.   Up
7.   The Last Song
8.   Nine
9.   G-Force: Superspie in missione
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)