Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Belli di papà

Belli di papà



Titolo Originale: Belli di papà
Nazione: Italia, Francia
Anno: 2015
Genere: Commedia
Durata: 100'
Regia: Guido Chiesa
Sito ufficiale:
Social network: facebook

Cast: Diego Abatantuono, Matilde Gioli, Andrea Pisani, Francesco Di Raimondo, Marco Zingaro, Antonio Catania, Francesco Facchinetti, Nicola Nocella, Uccio De Santis
Produzione: Colorado Film
Distribuzione: Medusa
Data di uscita: 29 Ottobre 2015 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 1 - Media Voto: 4 Stelle)



Un padre può mantenere cento figli, ma tre figli riuscirebbero a mantenere un padre”? Vincenzo è un imprenditore di successo. Vedovo, rimasto improvvisamente solo, deve badare a tre figli ventenni, Matteo, Chiara e Andrea, che rappresentano per lui un vero e proprio cruccio. I ragazzi vivono, infatti, una vita piena di agi, ma senza senso e soprattutto ignari di qualsiasi responsabilità, con una quotidianità leggera, lontana dai doveri e dalla voglia di guadagnarsi la vita. Vincenzo tenta perciò di riportarli alla realtà: una messinscena con cui fa credere ai figli che l’azienda di famiglia stia fallendo per bancarotta fraudolenta. Sono perciò costretti ad un’improvvisa fuga degna di veri latitanti. I quattro si rifugiano in una vecchia e ormai malconcia casa di famiglia in Puglia. Per sopravvivere, Chiara, Matteo e Andrea dovranno cominciare a fare qualcosa che non hanno mai fatto prima: lavorare.



Trattandosi di una produzione targata Colorado Film, cui si devono, tra gli altri, “La peggior settimana della mia vita” e “Il peggior Natale della mia vita”, coinvolto in una breve apparizione è possibile avvistare anche l’Alessandro Genovesi regista del dittico comico interpretato da Fabio de Luigi nel corso di quello che, in realtà, è il rifacimento tricolore del messicano “Nostros los nobles”, diretto nel 2013 da Gary Alazraki. Rifacimento che vede Diego Abatantuono nei panni di un imprenditore di successo deciso a far sì che i tre viziati figli ventenni la smettano di condurre un’oziosa vita tempestata di agi e ignari di qualsiasi responsabilità; tanto da spingersi ad organizzare una messa in scena per far credere loro che l’azienda di famiglia stia fallendo a causa di bancarotta fraudolenta e che, quindi, l’unica via di salvezza è la fuga in una vecchia e ormai malconcia casa in Puglia. Una fuga degna di veri latitanti e che non tarda a lasciar emergere il retrogusto di una variante del tipico incontro-scontro sociale tra nord e sud, già alla base di nostre commedie di successo quali “Benvenuti al Sud” e il suo sequel “Benvenuti al Nord”. Perché, con le fattezze di Andrea Pisani, Francesco Di Raimondo e Matilde Gioli, i tre ragazzi non solo si trovano rispettivamente a sgomberare cantieri, vendere una particolare crema porta a porta e servire in un ristorante, ma si vedono anche costretti ad affrontare l’impatto generato dal passaggio dalla nullafacenza milanese alla fatica imposta dal quotidiano vivere della classe operaia pugliese; con il primo affiancato dal mai disprezzabile Nicola Nocella, il secondo impegnato ad affascinare le attempate signore del posto e la terza destinata a condividere le giornate con il collega Marco Zingaro. Mentre, rimasto nel capoluogo lombardo in attesa di sposarla, è un convincente Francesco Facchinetti alla sua prima prova d’attore ad incarnare il suo odiosissimo fidanzato, tutt’altro che lontano dallo scontrarsi più volte con il protagonista di “Eccezzziunale... veramente” e “Mediterraneo”, qui non poco dispensatore di risate grazie alla propria consueta gamma di battute ed espressioni. Risate assolutamente prive di volgarità e che, con un cast comprendente l’Antonio Catania di “Così è la vita”, l’Uccio De Santis di “Non me lo dire” e la Barbara Tabita di “Natale in Sud Africa”, il regista Aurelio Chiesa – autore, tra l’altro, de “Il partigiano Johnny” e “Lavorare con lentezza” – gestisce a dovere attraverso un buon ritmo narrativo e la non assenza di momenti velati d’amarezza. Al servizio di un’operazione che, mirata a fornire interessanti riflessioni-attacchi nei confronti di quei belli (figli) di papà del tutto estranei e noncuranti (inconsapevolmente?) dei disagi che caratterizzano tante esistenze altrui nel sempre più maleducato e ignorante stivale tricolore d’inizio XXI secolo, si rivela altamente intelligente e capace anche di sfuggire a quella che sarebbe potuta essere una banale conclusione.

La frase:
"Pazzesco, pensare che c’è gente che va alle Maldive quando c’è Taranto".

a cura di Francesco Lomuscio

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Gli amori folli
3.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
4.   Oceani 3d
5.   A Single Man
6.   Up
7.   Nine
8.   The Last Song
9.   G-Force: Superspie in missione
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)