Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2018
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Sezione privata

Scheda Film: Il giovane favoloso

Il giovane favoloso



Titolo Originale: Il giovane favoloso
Nazione: Italia
Anno: 2014
Genere: Biografico, Storico
Durata: 135'
Regia: Mario Martone
Sito ufficiale:

Cast: Anna Mouglalis, Isabella Ragonese, Elio Germano, Michele Riondino, Iaia Forte, Massimo Popolizio, Federica De Cola, Edoardo Natoli, Paolo Graziosi, Valerio Binasco, Sandro Lombardi, Raffaella Giordano
Produzione: Palomar, Rai Cinema, Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC)
Distribuzione: 01 Distribution
Data di uscita: Venezia 2014 - In Concorso
16 Ottobre 2014 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 0 - Media Voto: 0 Stelle)



Leopardi è un bambino prodigio che cresce sotto lo sguardo implacabile del padre, in una casa che è una biblioteca. La sua mente spazia ma la casa è una prigione: legge di tutto, ma l'universo è fuori. In Europa il mondo cambia, scoppiano le rivoluzioni e Giacomo cerca disperatamente contatti con l'esterno. A ventiquattro anni, quando lascia finalmente Recanati, l'alta società italiana gli apre le porte ma il nostro ribelle non si adatta. A Firenze si coinvolge in un triangolo sentimentale con Antonio Ranieri, l'amico napoletano con cui convive da bohémien, e la bellissima Fanny. Si trasferisce infine a Napoli con Ranieri dove vive immerso nello spettacolo disperato e vitale della città plebea. Scoppia il colera: Giacomo e Ranieri compiono l'ultimo pezzo del lungo viaggio, verso una villa immersa nella campagna sotto il Vesuvio. Una storia di genio, sofferenze, poesia, amori e avventure.



La breve vita di Giacomo Leopardi, dalla Recanati della biblioteca paterna fino alla Napoli del colera e del Vesuvio.
Un Giacomo Leopardi che, cresciuto in casa sotto lo sguardo implacabile del genitore Monaldo, incarnato dal Massimo Popolizio di “Romanzo criminale” (2005), possiede i connotati di Elio Germano sotto la regia del napoletano classe 1959 Mario Martone, il quale torna al grande schermo a quattro anni dal mastodontico “Noi credevamo” (2010).
Un Giacomo Leopardi, quindi, vissuto quasi come in prigione e che, dal momento in cui in Europa il mondo cambia e scoppiano le rivoluzioni, comincia a cercare disperatamente contatti con l’esterno, lasciando a ventiquattro anni il comune marchigiano di nascita per ritrovarsi accolto dall’alta società italiana alla quale, però, non si adatta.
Perché, man mano che troviamo in scena anche Isabella Ragonese nei panni della sorella Paolina e che lo vediamo coinvolto a Firenze in un triangolo sentimentale con l’amico napoletano Antonio Ranieri e la bellissima Fanny, rispettivamente interpretati da Michele Riondino e Anna Mouglalis, è il ritratto di un ribelle, uomo libero di pensiero, ironico e socialmente spregiudicato quello che emerge.
Ribelle in contrasto addirittura con la natura e che, convinto che chi dubita sa più che si possa, il già citato Germano porta in scena con tanto delle deformazioni fisiche di cui la storia ci ha sempre messi al corrente; mentre le due ore e quindici minuti di visione si rivelano, fotogramma dopo fotogramma, di stampo fortemente teatrale. Infatti, con la corsicatiana Iaia Forte inclusa nel cast, appare principalmente come un film d’attori l’insieme, il cui unico punto di forza non può essere rappresentato altro che dalla notevole cura sfoggiata da scenografie e costumi.
Colpa non solo di un ritmo narrativo talmente fiacco da conferire al tutto il look di una noiosissima fiction televisiva che andrebbe divisa in due puntate, ma anche e soprattutto della totale incapacità di coinvolgere lo spettatore nella fruizione di un biopic che per nulla lascia avvertire il fascino della romantica poetica di colui che ci ha regalato, tra gli altri, gioielli dell’inchiostro su carta del calibro di “A Silvia”, “Il Sabato del villaggio” e “La sera del dì di festa”.

La frase:
"La mia patria è l’Italia, la sua lingua, la sua letteratura".

a cura di Francesco Lomuscio

Go Back - Stampa

Preferenza
 


 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   A Single Man
3.   Gli amori folli
4.   Oceani 3d
5.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
6.   Up
7.   Nine
8.   L'uomo nell'ombra
9.   The Last Song
10.   G-Force: Superspie in missione

Ultime schede
  Show Dogs - Entriamo in scena
  Si muore tutti democristiani
  Arrivano i prof
  Tonno spiaggiato
  Io sono Tempesta
  The Happy Prince
  Il mio nome è Thomas
  Io c è
  Rabbit School - I guardiani dell Uovo d Oro
  La Forma dell Acqua - The Shape of Water

Statistiche
Utenti On Line: 1


P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)