Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Youth - La giovinezza

Youth - La giovinezza



Titolo Originale: Youth - La giovinezza
Nazione: Italia, Francia, Svizzera, Regno Unito
Anno: 2015
Genere: Drammatico
Durata: 118'
Regia: Paolo Sorrentino
Sito ufficiale:
Social network: facebook

Cast: Michael Caine, Rachel Weisz, Paul Dano, Harvey Keitel, Jane Fonda, Neve Gachev, Tom Lipinski, Alex MacQueen, Ed Stoppard, Emilia Jones, Madalina Diana Ghenea, Chloe Pirrie, Loredana Cannata
Produzione: Indigo Film
Distribuzione: Medusa
Data di uscita: Cannes 2015
20 Maggio 2015 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 1 - Media Voto: 4 Stelle)



In un elegante albergo ai piedi delle Alpi Fred e Mick, due vecchi amici alla soglia degli ottant’anni, trascorrono insieme una vacanza primaverile. Fred è un compositore e direttore d’orchestra in pensione, Mick un regista ancora in attività. Sanno che il loro futuro si va velocemente esaurendo e decidono di affrontarlo insieme. Guardano con curiosità e tenerezza alla vita confusa dei propri figli, all’entusiasmo dei giovani collaboratori di Mick, agli altri ospiti dell’albergo, a quanti sembrano poter disporre di un tempo che a loro non è dato. E mentre Mick si affanna nel tentativo di concludere la sceneggiatura di quello che pensa sarà il suo ultimo e più significativo film, Fred, che da tempo ha rinunciato alla musica, non intende assolutamente tornare sui propri passi. Ma c’è chi vuole a tutti i costi vederlo dirigere ancora una volta e ascoltare le sue composizioni.



Girato con telecamera digitale è anche questo Quingnian (Youth - Giovinezza) del regista Geng Jun.

La vita di un gruppo di ragazzi in una provincia cinese. Sogni, disgrazie, duro lavoro, storie d'amore e di amicizia si alternano sullo sfondo di una Cina periferica e abbandonata a se stessa.
Il film diviene un affresco complesso, ambizioso, ma anche sfuggente...

Prima un paio di considerazioni. Il regista Geng Jun, con la sua opera, voleva ricercare il "Realismo". Tre anni di lavoro. Come bagaglio culturale "solo" i racconti dei suoi amici, rimasti nel suo paese natale quando lui è partito per studiare Cinema alla volta di Pechino. Ed è quei racconti che Geng Jun vuole narrare nel suo "Youth", utilizzando come attori gli stessi amici, e modificando la storia attraverso il tempo. La sceneggiatura, quindi, e anche la regia, si è evoluta nei tre anni di lavoro, prendendo come riferimento la vita vera.
A pensarci, un lavoro tanto nobile quanto complesso. E per certi versi impossibile.

In questo aspetto troviamo i pregi e i difetti della seconda opera di Geng Jun, regista del cinema indipendente cinese. La sua ricerca del realismo (che ha in sé il seme del Neo Realismo italiano) è spasmodica e in qualche modo pura. Ma allo stesso tempo sfuggente e di difficile comprensione per lo spettatore comune. Un tale impegno, viene da dire, e un tale sforzo intellettuale, avrebbe avuto bisogno di una premessa. Di un'introduzione dell'autore stesso.

Il suo Youth è un film e un cinema impossibile. Nel suo svolgimento cambia registro filmico, tratta temi universali e li contestualizza nella Cina periferica. Gioca pure a citare altri film. In questo viaggio rocambolesco viene da chiedersi dove finisca la fiction e inizi il documentario.
Dove inizi il film e finisca il cinema.

Un film di un'onestà intellettuale sconcertante che non verrà capito da nessuno, ma che ha il desiderio di parlare a tutti. Come è, in fondo, tutto il cinema indipendente. Asiatico e non.

La frase: "Ci danno 10 Yuan in più...".

Diego Altobelli

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Gli amori folli
3.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
4.   A Single Man
5.   Oceani 3d
6.   Up
7.   G-Force: Superspie in missione
8.   Nine
9.   The Last Song
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)