Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Un boss in salotto

Un boss in salotto



Un boss in salotto

Titolo Originale: Un boss in salotto
Nazione: Italia
Anno: 2013
Genere: Commedia
Durata: 90'
Regia: Luca Miniero
Sito ufficiale:
Social network:
facebook, twitter

Cast: Paola Cortellesi, Rocco Papaleo, Luca Argentero, Angela Finocchiaro, Ale, Franz, Giselda Volodi, Marco Marzocca, Massimo De Lorenzo, Salvatore Misticone

Produzione: Cattleya
Distribuzione: Warner Bros. Pictures Italia
Data di uscita: 01 Gennaio 2014 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 1 - Media Voto: 2 Stelle)



Cristina (Paola Cortellesi) è un'energica meridionale trapiantata in un piccolo centro del Nord dove è finalmente riuscita a costruirsi una vita e una famiglia perfette insieme al marito, Michele Coso (Luca Argentero), e ai loro due splendidi figli. Un giorno Cristina, convocata in Questura, scopre che suo fratello Ciro (Rocco Papaleo) - che non vede da 15 anni - è implicato in un processo di camorra e ha chiesto di poter trascorrere gli arresti domiciliari a casa sua. Cristina suo malgrado accetterà e da quel momento i suoi piani e l'ordinatissima routine dei Coso verranno letteralmente sconvolti dall'arrivo dello zio Ciro, un tipo tutto tatuaggi, catene d'oro e poco abituato alle buone maniere...



Nel 2002 Luca Miniero e Paolo Genovese debuttano sul grande schermo con un film, “Incantesimo napoletano”, incentrato su di una bambina che, senza alcuna spiegazione logica, benché fosse nata a Napoli rigettava la cultura partenopea, a partire dal dialetto. A distanza di dodici anni quel duo registico non lavora più assieme, ma certe intuizioni rimangono intatte, come dimostra “Un boss in salotto” nuovo film del solo Miniero. Stavolta a prendere le distanze dalle sue origini campane non è una bambina, ma una madre di famiglia che da parecchi anni abita a Bolzano. Dietro il suo atteggiamento non c’è nulla di fantastico, ma una scelta ragionata, frutto di un tormentato passato che l’ha portata a rinnegare tutto ciò che la legava al sud d’Italia, a partire dal nome Carmela, ormai non più utilizzato, in favore del più neutro Cristina. Il salto nel passato però è obbligato quando, a sorpresa, il fratello decide di scontare nella casa di lei gli arresti domiciliari in attesa di un processo. Né il marito, né i due figli, sanno dell’esistenza di Ciro. Pensano che sia morto quando era giovane e mai avrebbero immaginato che fosse un camorrista. La verità però ormai ha bussato alla porta e tanto le loro vite quanto quelle della piccola comunità che gli sta intorno ne saranno stravolte...

Replicando un espediente comico già utilizzato in passato e unendoci quello del forestiero trasportato suo malgrado dalla parte opposta dell’Italia (come in “Benvenuti al Sud” e “Benvenuti al nord”), Luca Miniero firma un film che, prima di tutto, non brilla per originalità. Non è un male, non tutti i film che vogliono far sorridere devono brillare per trama, basta poi che le gag siano costruite bene. In questo caso l’obiettivo è raggiunto a fasi alterne. Alcuni momenti sono godibili, altri completamente anonimi, altri addirittura danno l’idea di un potenziale non sfruttato appieno, a partire da Rocco Papaleo. Il film scorre via senza annoiare, ma manca un cambio di marcia, non c’è nessun picco né da un punto di vista comico né drammaturgico, tutti i fili della storia lasciati in sospeso vengono risolti in maniera sbrigativa tanto che persino il conciliante finale colmo di buoni sentimenti familiari arriva quasi all’improvviso esplicitando a parole la morale della favola (tutti i personaggi recitano un forzato mea culpa in cui identificano esattamente ciò che sbagliavano). Ci sono dei momenti in cui Miniero osa di più toccando il grottesco (come la discesa negli inferi del personaggio di un Luca Argentero quasi licenziato), ma sono momenti buttati lì senza alcun prima né dopo. Peccato, si poteva osare di più.

La frase:
-E’ napoletano? -Rumeno.
a cura di Andrea D'Addio

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Gli amori folli
3.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
4.   A Single Man
5.   Oceani 3d
6.   Up
7.   Nine
8.   G-Force: Superspie in missione
9.   The Last Song
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)