Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Ci vuole un gran fisico

Ci vuole un gran fisico



Ci vuole un gran fisico

Titolo Originale: Ci vuole un gran fisico
Nazione: Italia
Anno: 2012
Genere: Commedia
Durata: 90'
Regia: Sophie Chiarello
Sito ufficiale: http://civuoleungranfisico.libero.it

Cast: Angela Finocchiaro, Giovanni Storti, Raul Cremona, Elio, Antonella Lo Coco, Laura Marinoni, Jurij Ferrini, Antonella Lo Coco, Laura Marinoni, Rosalina Neri, Aldo Baglio, Silvana Fallisi, Paolo Hendel, Franco Barbero, Giacomo Poretti

Produzione: Medusa Film, AGIDI S.r.l.
Distribuzione: Medusa
Data di uscita: 07 Marzo 2013 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 3 - Media Voto: 2 Stelle)



Eva (Angela Finocchiaro) è una donna come tante. Come riesce a fare tutto? Semplice, di corsa. Facendo l’equilibrista, come solo le donne a volte sanno fare. Sempre in bilico tra lavoro, famiglia, l’ex marito Gino (Elio, delle Storie Tese), la figlia ribelle Francesca (Antonella Lo Coco), l'arzilla madre Lidia (Rosalina Neri); i colleghi tra cui Cinzia (Laura Marinoni) una coetana per cui il tempo sembra non passare mai, lo spietato caporeparto Pagliai (Raul Cremona), Oscar (Jurij Ferrini) che la corteggia forse con troppa timidezza; e poi le bollette, il mutuo e una volta la settimana tanto per vivacizzare, la spesa al supermercato. Sesso, non pervenuto. Forma fisica, insomma, un così così con tendenza al disfacimento. E come se non bastasse per Eva è in arrivo un compleanno molto speciale: cinquanta candeline sulla torta... un bel fuoco da spegnere! Con una travolgente umanità Eva affronta le avventure di una donna alle prese con la crisi di mezza età. Un momento molto delicato per lei, soprattutto perché il destino le invia per aiutarla un misterioso individuo dotato di poteri sovraumani (Giovanni Storti). Ce la farà Eva ad arrivare al fatidico compleanno con fiato sufficiente per spegnere tutte quelle candeline? Certo, le donne possono fare tutto, però... Ci vuole un gran fisico!



La crisi di mezza età è sempre puntuale. Colpisce donne e uomini e sempre al petto. Una freccia che scocca anche su Eva, una donna semplice, ma tenace, che si destreggia tra una mamma troppo arzilla da sostenere e una figlia adolescente le cui evoluzioni repentine si riflettono in stati d’animo quanto mai volubili. Dietro occhi azzurri che vorrebbero ancora sperare, una pelle non più elastica e qualche ruga da contenere, Eva resiste ancora. Stretta in quella divisa colorata che le impone un misto di serietà e avvenenza sempre sull’orlo del collasso, l’autostima è messa a dura prova, soprattutto quando al di là dei banconi del reparto di cosmetica dove Eva è impiegata, molte colleghe si permettono di sfoggiare attraenti sorrisi, fianchi ancora tonici e la sicurezza propria di chi rientra nelle grazie del capo. In una prova continua di prodotti ed esercizi che ridiano elasticità alla pelle e molte prove di sopportazione per un ex marito della porta accanto che vive di un parassitismo quasi stoico, la donna non riesce a vedere oltre quella cifra così pesante che rintocca nel suo corpo con l’urgenza della rassegnazione. A ridosso dei suoi 50 anni, Eva non può più prospettare che un buco nero abissale: in una vita di sacrifici e attenzioni rivolte fuori da sé non c’è spazio per l’amore, per le soddisfazioni personali o per la carriera. Tutto sembra avvicinarsi pericolosamente all’eterno ritorno dell’identico. Tuttavia, l’intervento di un miracoloso deus ex machina riuscirà a rimescolare le carte per restituire ad Eva quella rivalsa necessaria ad una più che sospirata felicità.
In questo Ci vuole un gran fisico, la regista Sophie Chiarello ingaggia un cast stellare figlio della strumentalizzazione di corpi e volti da parte di quel format televisivo che impera da sempre. Su tutti spicca l’istrionismo di Angela FInocchiaro, forte di una teatralità di lunga data che non appassisce neanche nei momenti più sorpassati di quella comicità italiana che fatica a reinventarsi. E se Raul Cremona si limita a brevi interventi macchiettistici che non vanno oltre la gag istantanea – neanche troppo originale – la straordinaria partecipazione del fu Telchieltelùn Aldo Giovanni e Giacomo non supera le aspettative sedimentate nella commercializzazione degli spot pubblicitari che li ricicla senza espellerli. Un vero peccato, se si pensa che non molto tempo fa, i nomi legati a questo tipo di comicità divertivano nella grande abilità espressiva, che sola bastava a scatenare il riso.
Ci vuole un gran fisico delude non tanto per uno script che registra battute lontane dal rispetto di quegli imprescindibili tempi comici, ma soprattutto per la scelta di sottoporre un comico funzionale alla brevità degli sketch televisivi ad una struttura che lo dilaziona in pause ed espedienti ingiustificati, se non nell’uso eccessivo di meccanismi ripetuti con l’unico risultato di sottrarre credibilità ed aumentare il disinteresse. Nell’arco di uno sviluppo rallentato si accumulano piccoli e continui quadretti che confermano una comicità più aderente a forme cabarettistiche che ad una visione mainstream, portando a compimento, d’altro canto, un’operazione di mercato per la presentazione ufficiale di Antonella Lo Coco, neo cantautrice fresca di X- Factor, che debutta sul grande schermo in occasione dell’uscita del suo primo album.
Nonostante le doti degli interpreti, più o meno avvezzi al genere cinematografico, la loro abilità non va oltre la presentazione manieristica dei propri personaggi, troppo superficiali per risultare perfino delle maschere, in un ritratto del comico che sfiora il kitch.

La frase:
- Lei sta mentendo mia cara. Perché?
- Sto perdendo la fede nello ialuronico.
a cura di Marta Gasparroni

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Gli amori folli
3.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
4.   Oceani 3d
5.   A Single Man
6.   Up
7.   G-Force: Superspie in missione
8.   Nine
9.   L'uomo nell'ombra
10.   The Last Song

Ultime schede
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi
  Downton Abbey
  Maleficent - Signora del Male

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)