Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Educazione siberiana

Educazione siberiana



Titolo Originale: Educazione siberiana
Nazione: Italia
Anno: 2011
Genere: Drammatico
Durata: 110'
Regia: Gabriele Salvatores
Sito ufficiale: www.educazionesiberianafilm.it
Social network:
facebook, twitter

Cast: John Malkovich, Peter Stormare, Eleanor Tomlinson, Giedrius Nagys, Andrius Paulavicius, Donatas Simukauskas, Arnas Fedaravicius, Riccardo Zinna

Produzione: Cattleya, Universal Pictures
Distribuzione: 01 Distribution
Data di uscita: 28 Febbraio 2013 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 2 - Media Voto: 5 Stelle)



Nel sud della Russia, in una città divenuta una specie di ghetto per criminali di varie etnie, due bambini di 10 anni, Kolima e Gagarin, crescono insieme, amici per la pelle. L' educazione che viene impartita è piuttosto particolare: il furto, la rapina, l' uso delle armi. Il loro clan ha delle regole precise, una specie di codice d' onore, a volte persino condivisibile, che non va tradito per nessun motivo. Ma il tempo passa, i due ragazzi crescono mentre il mondo intorno a loro cambia radicalmente... E quando hai vent' anni e il mondo ti si spalanca davanti, hai voglia di prendertelo. E quando hai vent' anni, rispettare le regole non è esattamente il tuo primo pensiero. Ma, come dice nonno Kuzja, il capo del clan criminale siberiano: È folle volere troppo. Un uomo non può possedere più di quello che il suo cuore può amare!



Il due volte candidato al premio Oscar John Malkovich è Kuzja, non solo capo di un clan malavitoso siberiano, ma anche nonno di Kolima e Gagarin, i quali, rispettivamente con le fattezze di Arnas Fedaravicius e Vilius Tumalavicius, sono due amici per la pelle cresciuti insieme nel sud della Russia, in una città divenuta una specie di ghetto per delinquenti di varie etnie.
Partendo dall’opera letteraria Educazione siberiana di Nicolai Lilin, tramite la quale l’autore narra la propria infanzia e la propria adolescenza all’interno di una comunità di criminali onesti, come loro stessi amano definirsi, il napoletano classe 1950 Gabriele Salvatores – che conquistò l’ambita statuetta hollywoodiana con l’acclamato Mediterraneo (1991) – racconta su celluloide l’educazione che viene impartita ai due giovani protagonisti, basata su furto, rapina e uso delle armi.
Un racconto che, con il Peter Stormare di Fargo (1996) incluso nel cast, attraversa i dieci anni spazianti dal 1985 al 1995, tra regole precise e codici d’onore che non vanno traditi per nessun motivo; man mano che il mondo cambia intorno ai due ragazzi che crescono e che, a vent’anni, l’unica voglia che hanno è quella presuntuosa di prenderselo.
Un po’ come la gang di C’era una volta in America (1983) di Sergio Leone o, meglio ancora, la banda della Magliana di Romanzo criminale (2005); tanto più che, insieme allo stesso Salvatores, a firmare lo script sono proprio lo Stefano Rulli e il Sandro Petraglia sceneggiatori del già classico diretto da Michele Placido.
Anche se, a dire la verità, soprattutto nel corso delle sequenze di violenza accompagnate da pezzi noti (citiamo solo Absolute beginners di David Bowie), ancor prima del lungometraggio cinematografico è la serie televisiva Romanzo criminale realizzata da Stefano Sollima a tornare alla memoria.
Serie che possiede, paradossalmente, un respiro quasi da grande schermo; a differenza di questo elaborato impreziosito dall’ottima fotografia per mano del fido collaboratore salvatoresiano Italo Petriccione e tecnicamente impeccabile che, però, finisce, a lungo andare, per sfiorare i connotati di una fiction tv.
Forse a causa di una forma eccessivamente legata alla matrice letteraria di partenza, tanto da ridursi ad apparire quale guardabile esercizio di stile volto a ribadire che la vita è una guerra che bisogna saper combattere, ma tendente in più occasioni ad annoiare lo spettatore.

La frase:
Un uomo non può possedere più di quanto il suo cuore possa amare.
a cura di Francesco Lomuscio

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Gli amori folli
3.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
4.   Oceani 3d
5.   A Single Man
6.   Up
7.   Nine
8.   The Last Song
9.   G-Force: Superspie in missione
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)