Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: The Ghostmaker

The Ghostmaker



The Ghostmaker

Titolo Originale: The Ghostmaker
Nazione: U.S.A., Italia
Anno: 2011
Genere: Horror
Durata: 91'
Regia: Mauro Borrelli
Sito ufficiale:

Cast: Aaron Dean Eisenberg, Liz Fenning, J. Walter Holland, Jared Grey, Domiziano Arcangeli, Jeffrey Damnit, Hans Uder, Wes Aderhold, Ruby Staley, Ford Austin

Produzione: Fotocomics Productions
Distribuzione: Distribuzione Indipendente
Data di uscita: 04 Gennaio 2013 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 0 - Media Voto: 0 Stelle)



Un gruppo di amici universitari scopre una bara del XV secolo che permette loro di muoversi e agire sotto forma di fantasmi evanescenti. Mentre le prime avventure nel mondo degli spiriti sono giocose e innocenti, ben presto la facoltosa macchina manifesta impulsi pericolosi e deviati, che vanno di pari passo con i desideri dei giovani ragazzi. Verranno così trascinati in un mondo cupo e segnato dal male, dove la linea tra la vita e la morte non sarà più così netta. Una piccola produzione statunitense per un sorprendente fanta-horror dalle tinte anni '80, in cui i fantasmi non sono oscure presenze provenienti dall'aldilà, ma individui del nostro mondo che possono sperimentare la morte... e tornare indietro per raccontarla.




The Ghostmaker

Django, il reduce della Guerra Civile che, con il volto di Franco Nero, è protagonista dell’omonimo western diretto da Sergio Corbucci, porta a spasso una bara. Ma cosa accadrebbe se fosse una bara a portare a spasso un uomo?
Per ideare il suo terzo lungometraggio horror, dopo Branches (2004) e Haunted forest (2007), è partito da questo interrogativo Mauro Borrelli, conceptual artist di maestri della Settima arte quali Tim Burton, Bernardo Bertolucci e Francis Ford Coppola.
Infatti, al centro della circa ora e mezza di visione abbiamo il televisivo Aaron Dean Eisenberg nei panni del giovane Kyle, studente del college che svuota cantine per poter guadagnare un po’ di soldi; fino al giorno in cui, nel sotterraneo dell’abitazione di una signora piuttosto inquietante, s’imbatte in una particolare bara caratterizzata da un meccanismo a orologeria e contenente la chiave di una scatola musicale.
Bara appartenuta nel XV secolo al costruttore di meccanismi di tortura Wolfgang von Tristen, conosciuto come L’artigiano del Diavolo e irresistibilmente attratto dal mondo dell’oltretomba, il quale, proprio tramite essa, riuscì nell’impresa di uscire dal proprio corpo mortale.
Quindi, con il ragazzo e i suoi amici che, al fine di provare la sensazione del passaggio dalla vita alla morte, si sdraiano a turno nella cassa, un dichiarato omaggio a Linea mortale (1990); tanto che i protagonisti – rispettivamente con i volti di Jared Grey, Liz Fenning e J. Walter Holland – si chiamano Platt, Julie e Sutton per richiamare alla memoria gli Oliver Platt, Julia Roberts e Kiefer Sutherland interpreti della fanta-pellicola diretta da Joel Schumacher.
Ma non è l’unico titolo a tornare in mente, in quanto, man mano che il loro improvvisato gioco con l’aldilà provvede a tirargli fuori impulsi e desideri pericolosi, è possibile scorgere più o meno vaghe somiglianze sia con Ghost - Fantasma (1990) di Jerry Zucker che con Le morti di Ian Stone (2007) di Dario Piana.
Citazionismo voluto o casualità, l’importante è che l’insieme, principalmente basato sull’attesa e che relega nella sua fase finale i momenti più coinvolgenti, dimostra di essere in grado di funzionare in maniera dignitosa, nonostante gli eccessivamente lenti ritmi di narrazione.
E, se riesce nell’impresa di non scendere mai al di sotto della sufficienza, con ogni probabilità lo si deve anche al lodevole cast tecnico internazionale, comprendente, tra gli altri, Charles Bornstein, montatore di Halloween - La notte delle streghe (1978), e il musicista Christopher Young, il cui curriculum include Hellraiser (1987) e The uninvited (2009).
In ogni caso, però, considerando anche la presenza di Fabio Segatori – autore di Terra bruciata (1999) e Hollywood flies (2005) – tra i produttori, una pellicola di genere dal cuore tricolore, capace di oltrepassare a basso budget i confini dello stivale nello stesso modo in cui, tanti anni fa, si faceva da queste parti.

La frase:
La morte è sempre al nostro fianco.
a cura di Francesco Lomuscio

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Gli amori folli
3.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
4.   Oceani 3d
5.   A Single Man
6.   Up
7.   Nine
8.   The Last Song
9.   G-Force: Superspie in missione
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)