Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Taken: La vendetta

Taken: La vendetta



Taken: La vendetta

Titolo Originale: Taken 2
Nazione: Francia
Anno: 2012
Genere: Azione, Thriller
Durata: 91'
Regia: Olivier Megaton
Sito ufficiale: www.takenmovie.com
Sito italiano:
www.takenlavendetta.it

Cast: Liam Neeson, Maggie Grace, Famke Janssen, Rade Serbedzija, Leland Orser, Luke Grimes, Aclan Bates

Produzione: Europa Corp.
Distribuzione: Twentieth Century Fox
Data di uscita: 11 Ottobre 2012 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 0 - Media Voto: 0 Stelle)



Liam Neeson torna a vestire i panni di Bryan Mills, agente CIA in pensione. Quando viene contattato da una persona misteriosa alla ricerca di vendetta, Bryan deve impiegare il suo particolare set di competenze per proteggere la sua famiglia contro un esercito che vuole ucciderli.


Film correlati:

Io vi troverò




Taken: La vendetta

Il pericolo poteva essere il suo mestiere eppure nella sua ultima avventura la sessantenne star Liam Neeson, action man in giacca di pelle e gadget old school, sembra troppo composta perfino mentre sferra pugni e calci e nel portare avanti la sua personale missione a Istanbul viene da pensare che probabilmente avrebbe espressioni simili anche se fosse dietro una scrivania. Meno energico del primo film, Taken - La vendetta prova a concentrarsi sui dettagli, per distrarci dalle sabbie im-mobili della sceneggiatura: il villain di turno è Murad Krasniqi (Rade Serbedzija), il padre del cattivo che il nostro sfigato eroe, Bryan Mills, aveva malauguratamente ucciso a Parigi due anni prima nel prequel. L’uomo vuole vendicare la morte del figlio e raggiunge Bryan in Turchia, dove si trova con l’ex moglie Lenore (Famke Janssen) e la figlia 17enne Kim (Maggie Grace in realtà a un passo dai 30 anni!), per catturare l’intera famiglia e farne una carneficina. Intenzionato a farsi giustizia con le proprie mani, l’uomo raggruppa un manipolo di connazionali e tortura, o almeno ci prova, i suoi ostaggi.
Le sequenze di azione e tensione non emergono dalle risate che più di una battuta del freddo Mills rubano agli spettatori: l’audacia ironica dell’autore dei diversi Karate Kid, Robert Mark Kamen, che qui viene in aiuto dell’amico e collega Besson, finisce per cadere nell’equivoco di un umorismo volontario. Perfino mentre il protagonista dà indicazioni di guida alla figlia che, non ancora patentata, deve condurre la vettura all’ambasciata americana in territorio straniero mentre sono alle calcagna gli albanesi e la polizia turca armati e mal intenzionati, le sue parole faticano a comunicare l’apprensione di un padre che potrebbe perdere tutto. Anche il ritmo e l’intensità narrativa non sono paragonabili ai patinati franchise del genere come 007, che non sbaglia un anniversario, o la rinnovata saga di Bourne: la storia, schematica e dai dialoghi più divertenti che pungenti, si riduce a quella di un ex agente della CIA che deve salvare per la seconda volta la famiglia dalle grinfie di una banda di criminali, albanesi giusto per assicurare un tocco retro ed esotico (già perseguito dalle suggestive location), e sfida tempo e nemici, assetati di vendetta, tra corse metropolitane accelerate solo dal montaggio frenetico e qualche lancio maldestro di granate sui tetti affidate però alla figlia minorenne, costretta ad armeggiare con bombe e lacci di scarpe, come nella sequenza più divertente e improbabile del film.
Dopo il discreto successo riportato negli States, torna in sala la produzione firmata Besson: il sequel del low budget Taken sembra essere stato però scritto e realizzato per sentire nuovamente suonare i botteghini. Pierre Morel è stato sostituito alla regia dal discreto Olivier Megaton (Transporter 3) che ha in comune col primo una lunga collaborazione con Luc Besson, ma quello che fa di questa produzione francese, che emula quelle hollywoodiane, un’opera trita è la mancanza di creatività nello script: mai un colpo di scena arriva a scuotere il pubblico, il quale, almeno, non dovrà preoccuparsi neanche un minuto di tenere alta l’attenzione: la storia, debole e comica, rotola fino in fondo come un ennesimo déjà vu.

La frase:
Quando un cane ha un osso l'ultima cosa da fare è portarglielo via.
a cura di Angela Cinicolo

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Gli amori folli
3.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
4.   A Single Man
5.   Oceani 3d
6.   Up
7.   Nine
8.   G-Force: Superspie in missione
9.   The Last Song
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)