Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Reality

Reality



Reality

Titolo Originale: Big House
Nazione: Italia
Anno: 2012
Genere: Drammatico
Durata: 115'
Regia: Matteo Garrone
Sito ufficiale: www.repubblica.it/promo/reality

Cast: Claudia Gerini, Paola Minaccioni, Nando Paone, Ciro Petrone, Aniello Arena, Nunzia Schiano, Loredana Simioli, Angelica Borghese, Raffaele Ferrante, Carlo Del Sorbo, Giuseppina Cervizzi, Arturo Gambardella

Produzione: Fandango, Archimede
Distribuzione: 01 Distribution
Data di uscita: 28 Settembre 2012 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 1 - Media Voto: 3 Stelle)



Luciano è un pescivendolo napoletano che per integrare i suoi scarsi guadagni si arrangia facendo piccole truffe insieme alla moglie Maria. Grazie a una naturale simpatia, Luciano non perde occasione per esibirsi davanti ai clienti della pescheria e ai numerosi parenti. Un giorno, spinto dai familiari, partecipa a un provino per entrare nel Grande Fratello. Da quel momento la sua percezione della realtà non sarà più la stessa.



Reality

Di considerazioni, rivisitazioni e critiche a proposito di Il Grande Fratello ne sono state fatte di ogni tipo da quando nel 2000 questo format televisivo olandese arrivò sui nostri schermi, dopo essere già sbarcato altrove (del resto un film come The Truman Show è del 1998).
L’ossessione per la vita altrui, il voyeurisimo, il significato della popolarità e la fama senza talento: in questo modo di fare tv si sono viste tante storture della nostra società capitalista, così tante che ormai è difficile dire qualcosa di nuovo. Ci prova in qualche modo Matteo Garrone con il suo ultimo film, intitolato Reality per l’appunto, già vincitore del Gran Premio della Giuria al Festival di Cannes 2012.
Un padre di famiglia napoletano molto estroverso, uno di quelli che movimenta le feste e riesce ad essere amico di tutti, si trova quasi suo malgrado a provare ad entrare nella celebre casa. Supera il primo provino, ma rimane dubbioso sull’esito del secondo test e questa ansia del non sapere l’esito unito al crescente desiderio di diventare popolare, finiscono con il devastare completamente la sua vita....
Reality è un film dai due volti. Il primo è eccezionale ed è racchiuso nella prima parte del film. La regia di Garrone è in grado di raccontare in maniera egregia sia la micro comunità partenopea che gira intorno alla famiglia protagonista che i più piccoli sentimenti e gesti che intercorrono tra i vari personaggi. Un’inquadratura dal basso, un abbraccio o uno sguardo del figlio, qualche piano sequenza (come quello iniziale): sono tanti i momenti che da soli meriterebbero un applauso per la sensibilità con cui sono girati. Purtroppo la seconda parte della pellicola, quella dell’ossessione e del grottesco sembra molto meno ispirata ed insiste su concetti ed illusioni che sanno di già visto e sentito. E così nonostante la bella interpretazione di Aniello Arena (attore che in realtà è un carcerato e che ha girato usufruendo di permessi speciali) e la regia sempre solida, anche se meno originale, di Garron,e nell’ultima mezz’ora, invece di uscire soddisfatti dal cinema, si ha la sensazione che si sia sprecata un’ottima occasione. Persino la lunga scena onirica finale, quella della Via Crucis, risulta ridondante nelle ambizione e nei significati, tanto da far pensare che non si sapesse come meglio chiudere il tutto. E così Reality finisce con il risultare il peggiore dei film realizzati finora da Garrone: non un brutto film, ma per le sue potenzialità senza dubbio un passo falso.

La frase:
Un brano del Vangelo ci chiede di comprendere la differenza tra l’essere e l’apparire, tra il falso e il vero. A volte, per seguire l’apparire ci allontaniamo da noi stessi. Un nostro amico in difficoltà ci ha chiesto aiuto, di entrare a far parte della nostra comunità e noi lo aiuteremo..
a cura di Andrea D'Addio

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Gli amori folli
3.   Oceani 3d
4.   A Single Man
5.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
6.   Up
7.   Nine
8.   G-Force: Superspie in missione
9.   The Last Song
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Se mi vuoi bene
  Yesterday
  Mio Fratello Rincorre i Dinosauri
  Il Re Leone 2019
  Aladdin
  Cyrano mon amour
  Avengers: Endgame
  Ma cosa ci dice il cervello
  Bentornato Presidente!
  Dumbo

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)