Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: I bambini di Cold Rock

I bambini di Cold Rock



I bambini di Cold Rock

Titolo Originale: The Tall Man
Nazione: U.S.A., Canada
Anno: 2012
Genere: Drammatico, Mistero
Durata: 106'
Regia: Pascal Laugier
Sito ufficiale: tallmanthemovie.com/

Cast: Jessica Biel, Jodelle Ferland, Stephen McHattie, William B. Davis, Samantha Ferris, Colleen Wheeler, Eve Harlow

Produzione: Cold Rock Productions BC, Forecast Pictures, Iron Ocean Films, Minds Eye Entertainment, Radar Films, SND
Distribuzione: Moviemax
Data di uscita: 21 settembre 2012 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 0 - Media Voto: 0 Stelle)



Julia Denning (Jessica Biel) è un'infermiera che vive nella cittadina di Cold Rock, dove si nascondono segreti inquietanti. Nel corso degli anni, infatti, sono scomparsi 13 bambini senza lasciare né un indizio né un testimone. Gli abitanti del luogo ritengono che il responsabile sia The Tall Man un oscuro personaggio misterioso e leggendario che rapisce i bambini svanendo nel nulla. Quando una notte Julia trova il letto di suo figlio vuoto la caccia è aperta e con essa la ricerca di risposte: chi è The Tall Man e soprattutto cosa avevano in comune quei bambini scomparsi?




I bambini di Cold Rock

Notte fonda a Cold Rock. Un'insolita Jessica Biel, credibile come infermiera spettinata e struccata, scopre con orrore la babysitter imbavagliata sul pavimento della cucina: la camera dei bambini, al piano di sopra, è deserta. Segue brevissimo istante di shock e poi partenza all'inseguimento del rapitore incappucciato... Dopodiché il sanissimo horror che la locandina prometteva veleggia verso tutt'altri lidi. Perché, forse, il primo esperimento americano di Pascal Laugier vuol essere una grottesca fiaba rassicurante. Dal trailer non sembra, direte voi, ma dev'essere senz'altro così: in un certo senso, a patto di abbandonarvisi a mente sgombra, riesce ad appagare le coscienze e sedare la paura più fonda. Quella di perder traccia, un domani, del nostro patrimonio genetico altro, il dna procreato, libero di aggirarsi per il mondo come meglio crede. I figli non sono nostri, signora mia. Letteralmente. E via così.
Eppure il film diretto da Laugier (ma sì, è il genio pazzoide a cui dobbiamo Martyrs) è anche altro. In nuce è forse, e su questo potranno esservi infiniti dibattiti, un insulto mirato. Oltre al danno, la beffa: non possiamo svelarvi perché – il rischio spoiler è altissimo – ma sappiamo che, genitori o meno, allo scorrere dei titoli di coda vi sentirete confusi, basiti, magari addirittura un po' truffati.
Lasciamo però da parte i moralismi e le etichette, ché non è questa la sede per affrontarne: da un punto di vista meramente tecnico, il film ha un gigantesco problema di ritmo. Confezionandosi sin dalle prime note (è il caso di dirlo, a giudicare dalla colonna sonora) come un horror senza sfumature che non siano nerissime, quando poi, a metà film, vira bruscamente verso un ibrido drama, I bambini di Cold Rock prende rapidamente a soffrire nell'impianto: sia a causa dell'andatura, improvvisamente più lenta, sia a causa delle aspettative del pubblico, dapprima clamorosamente sovvertite, poi disattese e in parte anche frustrate dalla pessima gestione delle svolte. Non che indurre la sorpresa nello spettatore non sia un fenomeno da augurarsi, anzi: né che, a tradirne le aspettative, non si corra il rischio di produrre qualcosa di degno. Ma la questione, qui, è altra. Ogni singolo scossone narrativo è inflitto con tempismo discutibile o smorzato nell'effetto, diluito, male accordato al resto. E confonde, addirittura.
Forse The tall man, questo il titolo originale, innescherà controversie e dividerà coscienze; forse gli dedicheranno spazio tv e tavole rotonde, chiedendosi dove sia il buonsenso nell'inscenare un ribaltamento di ruoli ai margini del pessimo gusto. Forse no. A noi che, invece, scegliamo di prendere le distanze sia da eventuali polemiche sia, però, dal pistolotto della Biel sopraggiunto oltre la metà del film, resta solo la vaga sensazione d'aver avuto davanti del materiale curioso e un'ottima idea. Sprecati entrambi.

La frase:
Il sistema è rotto.
a cura di Domitilla Pirro

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Gli amori folli
3.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
4.   Oceani 3d
5.   A Single Man
6.   Up
7.   Nine
8.   The Last Song
9.   G-Force: Superspie in missione
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)