Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Take Shelter

Take Shelter



Take Shelter

Titolo Originale: Take Shelter
Nazione: U.S.A.
Anno: 2011
Genere: Drammatico
Durata: 120'
Regia: Jeff Nichols
Sito ufficiale: www.sonyclassics.com/takeshelter/

Cast: Michael Shannon, Jessica Chastain, Tova Stewart, Shea Whigham, Katy Mixon, Natasha Randall, Ron Kennard, Scott Knisley, Robert Longstreet

Produzione: Grove Hill Productions, Hydraulx, Strange Matter Films
Distribuzione: Movies Inspired
Data di uscita: 29 Giugno 2012 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 0 - Media Voto: 0 Stelle)



Curtis LaForche (Michael Shannon) è un uomo tranquillo che vive in una piccola cittadina dell'Ohio, assieme alla moglie Samantha (Jessica Chastain) e alla figlia Hannah, sorda dalla nascita. La famiglia LaForche conduce una vita modesta, Curtis è operaio mentre Samantha è casalinga e sarta part-time, ma il denaro per le spese quotidiane e l'assistenza sanitaria di Hannah non basta mai. Ciò nonostante sono una famiglia felice. Un giorno Curtis inizia ad avere delle terribili visioni su violente tempeste, che decide di tenere per sè. Ma con l'aumentare delle allucinazioni, l'uomo inizia a comportarsi in modo ossessivo, arrivando a costruire un rifugio nel cortile per proteggere la sua famiglia dalle minacciose tempeste. Il comportamento apparentemente inspiegabile di Curtis genera tensioni nel suo matrimonio e conflitti con gli altri abitanti della comunità.




Take Shelter

Jeff NIchols porta sullo schermo la paura irrazionale e patologica.
Il suo Curtis, dall’aspetto così bonario (e doppiato terribilmente purtroppo), diviene pian piano ossessionato dalle sue (pre) visioni e si scava un mondo da incubo, popolato da presagi apocalittici e relazioni che si sfaldano in un attimo. La storia scritta da Nichols si gioca sul dualismo reale-immaginario: la natura comprimaria della storia, di cui la regia ci rende partecipi in suggestivi campi lunghi o inquadrature a lei dedicate, è la prima a distorcersi in temporale colmo di lampi, tuoni e terrore; il matrimonio, dimensione affettiva semplice e appagante con Samantha, viene divaricato dalle manie di Curtis che non accetta di abbandonare il suo ruolo di protettore per divenire protetto. Tuttavia, quest’ansia e questa preoccupazione sono tangibili anche da tutta la comunità che dovrà fare i conti sul serio con il temporale; come si spiega allora questa frizione? Quale lettura possiamo dare al plot di Take Shelter? Il riparo è reale o immaginario, è utile o esagerato? Nichols in una dichiarazione afferma che ha tratto l’ispirazione per questa sceneggiatura dalla propria esperienza diretta: dopo neanche un anno di matrimonio ha notato come si presentasse inesorabile l’ansia per il domani. Era naturalmente diversa da quella che aveva sempre provato, poiché adesso non era in ballo solamente il suo futuro, ma quello di sua moglie e della sua prole. Ecco allora un interessante (ma non esclusiva) lettura della trama che ci tocca maggiormente di quanto non pensiamo: l’ansia per un domani così confuso, il terrore che ci ispira il mondo del lavoro così labile e contorto, la preoccupazione per i nostri cari infusa da un presente perennemente teso al futuro fragile e precario, diventano in un attimo patologie che distruggono la nostra vita. La morsa di paura che ci cattura quando ci fossilizziamo sull’incertezza – soprattutto economica – del domani ci fa scavare rifugi nei quali sperperiamo i nostri beni, materiali e emotivi. Il film prova a renderci partecipi di questo stato emotivo.
Convince, anche se a tratti è molto lento.

La frase:
Amore, non c’è nessun temporale fuori.
a cura di Matteo Brufatto

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Gli amori folli
3.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
4.   A Single Man
5.   Oceani 3d
6.   Up
7.   Nine
8.   G-Force: Superspie in missione
9.   The Last Song
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)