Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: A Serious Man

A Serious Man



Titolo Originale: A Serious Man
Nazione: U.S.A.
Anno: 2009
Genere: Commedia. Drammatico
Durata: 105'
Regia: Joel Coen, Ethan Coen
Sito ufficiale: www.filminfocus.com/focusfeatures/...
Sito italiano: www.it.movies.yahoo.com/speciali/a-serious-man/


Cast: Michael Stuhlbarg, Richard Kind, Fred Melamed, Sari Lennick, Aaron Wolff, Jessica McManus, Peter Breitmayer, Brent Braunschweig
Produzione: Working Title Films, Mike Zoss Productions
Distribuzione: Medusa
Data di uscita: Roma 2009
04 Dicembre 2009 (cinema)


(Opinioni presenti: 0 - Media Voto: 0 Stelle)



Il film racconta la ricerca di chiarezza da parte di un uomo comune che vive in un’epoca accompagnata dalla musica dei Jefferson Airplane e dalle immagini televisive di F-Troop. Siamo nel 1967, e Larry Gopnik, professore di fisica in una tranquilla università del Mid West, ha appena saputo da sua moglie Judith che lei ha deciso di lasciarlo poiché si è innamorata di Sy Ableman, un uomo a suo avviso molto più concreto e importante dell’inetto Larry. Il fratello disoccupato di Larry, Arthur dorme sul divano di casa loro, il figlio Danny ha seri problemi disciplinari e non combina nulla alla scuola ebraica mentre la figlia Sarah gli ruba costantemente i soldi dal portafogli per potersi rifare il naso. E mentre sua moglie e Sy Ableman progettano allegramente la loro nuova vita insieme, e suo fratello diventa un peso sempre più insostenibile, un anonimo gli scrive lettere minacciose e ostili che mettono a repentaglio la sua cattedra all’Università e uno studente tenta di corromperlo per ottenere la promozione minacciandolo al contempo di denunciarlo per diffamazione. A peggiorare le cose, c’è anche la bella vicina di casa che gli infligge insopportabili tormenti prendendo il sole nuda. Alla ricerca del perduto equilibrio, Larry chiede consiglio a tre rabbini diversi. Ma c’è qualcuno che sia veramente in grado di aiutarlo a superare i suoi problemi e a diventare una persona retta – un mensch – e seria?



"A serious man" dei fratelli Coen è un film che buona parte del pubblico può odiare. Se siete tra quelli che hanno visto il film e ora vengono a leggere la recensione arrabbiati dopo la visione, siete senza dubbio giustificati. "A serious man" è un film infatti che finisce dove altri hanno normalmente il loro punto centrale. Non c'è sfogo, non c'è apparente significato, nessuna catarsi. Come dice il secondo dei rabbini che il protagonista interpella per cercare conforto, non sempre tutto deve avere un significato. Forse c'è, forse no, che si prende la vita così come arriva e "A serious man" non spiega nulla, almeno non in maniera tradizionale. Per questo e per tutti i motivi che gli sono annessi, "A serious man" è straordinario, un vero e proprio pugno nello stomaco, una di quelle pellicole che ti lasciano con gli occhi attaccati ai titoli di coda non tanto per leggere tutti i nomi della troupe, ma per avere il tempo di rielaborare quanto visto, ammortizzare quel concentrato di emozioni che si sono accumulate nei centominuti circa di pellicola.
I Coen costruiscono ogni sequenza con una cura che rasenta la perfezione: in un "semplice" primo piano di una mano su una mano, in un mortale incidente automobilistico che accade fuori campo, nella sconfortante visione dei villini a schiera dall'alto di un tetto (una scena che ricorda molto lo sguardo dalla collinetta di "Revolutionary road"), nell'inseguimento di un bambino che rivuole i suoi venti dollari e in tanti, forse tutti, gli altri momenti del film, c'è un tale carico di tensione che sembra di essere dentro ad un tiratissimo thriller anche se così non è.
Al contrario, "A serious man" è una sorta di commedia. Non si ride, a meno che non ci si sforzi di farlo, ma tutti i personaggi viaggiano in una zona grigia tra il satirico grottesco e il dramma più puro.
Non è un caso che il prologo sembri l'incipit di un horror.
Protagonista è un professore di fisica ebreo del midwest a cui ne capitano di tutti i colori: matrimonio, figli, lavoro, salute, fede.
Non c'è qualcosa che sembra andare nel verso giusto. Lui è l' "uomo che non c'è", una persona che subisce gli altri, assorbe senza dare indietro. Per tutta la durata della narrazione, grazie alla già citata abilità registica dei due fratelli, siamo in attesa di una sua reazione, di una sua esplosione: tutto ciò che gli capita deve avere senza dubbio un senso, deve portare da qualche parte!!!
Ne esce fuori una profonda riflessione sulla solitudine dell'uomo, uno spaccato di vita quotidiana composto sì da situazioni spinte al limite, ma comunque evocatrici di realismo, di sentimenti con cui proviamo empatia perchè in qualche modo, anche lontanamente, sentiamo nostri. C'è dentro un po', ma non tutto, di quell' umorismo yiddish tipico di tanta letteratura contemporanea e passata (da Isaac Bashevis Singer a Nathan Englander passando per Philip Roth), ma con un punta di pessimismo in più. Forse si potevano dire le stesse cose parlando di un cristiano praticante o di un laico, ma si sarebbe persa quella sensazione di smarrimento e riferimenti culturali in generale, ancor più che storico-iconografici che elevano il film anche ad una dimensione filosofica. L'aspetto dell'ebraismo di essere una religione caratterizzata dall'attesa, è legato a doppio filo con l'idea stessa del film, il suo tenere sulle spine giocando con una conclusione continuamente rimandata. I Coen attingono dalla loro esperienza autobiografica: i genitori erano professori, la loro scuola era ebrea, uno dei rabbini presenti è ispirato ad un loro vecchio rabino. Per rendere credibile il tutto, come al solito, i due cineasti scelgono volti che si stagliano nella memoria: ecco quindi una serie di attori completamente sconosciuti, fisici e espressioni che non rimandano a nessun altra parola o situazione che non sia il film stesso.
Chissà, forse la scelta di un cast non popolare è stata fatta anche per limitare i danni di un possibile flop commerciale: dubitiamo che "A serious man" diventi un campione di incassi. E' però proprio questo coraggio, l'idea di realizzare un film "per pochi" che va contro quasi tutto e tutti, si trova parte della grandezza dei Coen.
Già quando presentarono un noir in bianco e nero com "L'uomo che non c'era" dimostrarono quanto poco fossero preoccupati dal boxoffice.
Loro sono uomini seri. Peccato che non tutti i cineasti contemporanei, anche i più grandi, se lo possano o se lo riescano più a permettere. Avremmo forse più capolavori.

La frase: "Per favore, accetti il mistero".

Andrea D'Addio

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
3.   Gli amori folli
4.   Oceani 3d
5.   A Single Man
6.   Up
7.   The Last Song
8.   Nine
9.   G-Force: Superspie in missione
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)