Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Workers - Pronti a tutto

Workers - Pronti a tutto



Workers - Pronti a tutto

Titolo Originale: Workers - Pronti a tutto
Nazione: Italia
Anno: 2012
Genere: Commedia
Durata: 105'
Regia: Lorenzo Vignolo
Sito ufficiale: www.workersilfilm.it

Cast: Dario Bandiera, Alessandro Bianchi, Paolo Briguglia, Nino Frassica, Nicole Grimaudo, Francesco Pannofino, Michelangelo Pulci, Alessandro Tiberi, Daniela Virgilio

Produzione: Gruppo Minerva International, Margherita Film, Rai Cinema
Distribuzione: Istituto Luce
Data di uscita: 11 Maggio 2011 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 0 - Media Voto: 0 Stelle)



Sandro (Alessandro Bianchi) e Filippo (Michelangelo Pulci) sono proprietari dell'agenzia interinale Workers, praticamente trovano lavoro alle persone. Davanti a loro scorre gente di ogni tipo a caccia di impiego, personaggi pittoreschi e disoccupati pronti a tutto. Incontro dopo incontro, i due si imbattono talvolta in storie eclatanti, impossibili da non raccontare. I due, sfigati con le donne, si ritroveranno perfino ad intrattenere due bellissime ragazze durante una cena. Attraverso i loro racconti seguiremo tre storie che ruotano attorno a lavori che nessuno vorrebbe fare, ma proprio per questo drammaticamente esilaranti...




Workers - Pronti a tutto

L’Alessandro Tiberi del dittico Immaturi è un giovane adulto che vive alla giornata e che, dinanzi alla minaccia di sfratto, accetta di fare da badante a un invalido Francesco Pannofino che si rivela volgare, strafottente, giocatore di poker incallito e vizioso.
Dario Bandiera, invece, come di consueto alla ricerca di donne da sedurre, lavora in un allevamento di tori in qualità di prelevatore di campioni genetici di esemplari da riproduzione, ma si spaccia per chirurgo quando scopre che Daniela Virgilio, commessa in un negozio del centro che desidera conquistare, ha un debole per la categoria dei medici.
Nicole Grimaudo, infine, truccatrice che ha sempre sognato di lavorare nel cinema, non solo si ritrova a dover truccare cadaveri in un’agenzia di pompe funebri gestita da Luis Molteni, ma, dal momento in cui Paolo Briguglia nota in lei l’incredibile somiglianza con la moglie appena scomparsa, si vede anche costretta a impersonare la donna al cospetto del padre di lui Nino Frassica, super latitante mafioso.
Sono le tre storie che i televisivi Alessandro Bianchi e Michelangelo Pulci, qui nei panni dei due proprietari dell’agenzia interinale Workers, raccontano nel corso dei circa 105 minuti di visione che costituiscono il secondo lungometraggio – se escludiamo il collettivo 500! (2001) – diretto dal ligure classe 1973 Lorenzo Vignolo, autore di quel “Tutti all’attacco” (2005) che si propose quale divertente ed originale variante dello stracult banfiano L’allenatore nel pallone (1984).
Tre storie nate da un’idea del veterano produttore Galliano Juso (W la foca e Squadra antiscippo nella lunga filmografia) e che puntano a mettere in scena le disavventure tragicomiche di una serie di disoccupati obbligati ad accettare quelli che, di certo, non erano i mestieri da sempre sognati.
Disavventure tragicomiche che individuano il loro momento migliore nell’impossibile rapporto tra Tiberi e un tanto diabolico quanto funzionale Pannofino, per poi rischiare di cadere nella morsa della fiacchezza nel corso del segmento riguardante la coppia Bandiera-Virgilio, interpretato anche dal bravo Andrea Bruschi e caratterizzato da un risvolto romantico.
Ma, fortunatamente, complice la riuscita dell’episodio conclusivo, l’insieme, che arriva più volte a toccare anche i toni della commedia nera e invita in maniera evidente alla riflessione, risulta nel complesso gradevole e costruito su uno script – a firma dello Stefano Sardo de La doppia ora (2009) – dispensatore di buone trovate e di un non banale intreccio.
Riconfermando, inoltre, quel tocco in più (internazionale?) che Vignolo – come già dimostrato tramite la succitata pellicola calcistica con Massimo Ceccherini – possiede rispetto a tanti altri cineasti italiani a lui contemporanei.

La frase:
Bisogna pur lavorare.
a cura di Francesco Lomuscio

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Gli amori folli
3.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
4.   Oceani 3d
5.   A Single Man
6.   Up
7.   Nine
8.   The Last Song
9.   G-Force: Superspie in missione
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)