Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: E' nata una star?

E' nata una star?



E' nata una star?

Titolo Originale: E' nata una star?
Nazione: Italia
Anno: 2012
Genere: Commedia, Drammatico
Durata: 90'
Regia: Lucio Pellegrini
Sito ufficiale: http://enataunastar.libero.it

Cast: Luciana Littizzetto, Rocco Papaleo, Pietro Castellitto, Gisella Burinato, Michela Cescon, Cristina Odasso

Produzione: IBC Movie, Warner Bros. Entertainment Italia
Distribuzione: Warner Bros. Pictures Italia
Data di uscita: 23 Marzo 2012 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 1 - Media Voto: 4 Stelle)



Tra le tante cose che una mamma non vorrebbe scoprire sul proprio figlio adolescente ce n'è una un po' imbarazzante... a dire il vero molto imbarazzante. E non aiuta il fatto di venirla a sapere dalla vicina di casa pettegola, che una mattina ti fa trovare nella buca delle lettere un video accompagnato da un biglietto. Lucia (Luciana Littizzetto) non riesce a crederci: è suo figlio Marco (Pietro Castellitto) quello in copertina. Il film ha un titolo non proprio edificante ed è vietato ai minori. Sì, insomma, Marco a quanto pare ha un talento speciale: è una pornostar! Come si affronta una novità del genere? Lucia deve dirlo a Fausto (Rocco Papaleo), suo marito, e insieme dovranno parlarne con il ragazzo... forse da oggi nella loro famiglia niente sarà più come prima. O no? E se ci fosse un modo per prendere una cosa del genere per il verso giusto, anziché per quello sbagliato?




E' nata una star?

Cosa succede se una vicina di casa pettegola fa trovare nella buca delle lettere di una madre di famiglia, accompagnato da un biglietto, il dvd di Dr. Trombhouse, interpretato a sua insaputa dal giovane figlio?
Se la madre di famiglia in questione è Luciana Littizzetto, di sicuro un qualcosa che rimane imbarazzante e tragico soltanto nella finzione scenica, volto in maniera esclusiva a regalare divertimento al pubblico, tanto più se il marito della donna ha i connotati di Rocco Papaleo.
Tra equivoci e imprese da imbranato in cui si trova spesso coinvolto quest’ultimo (ottimo come di consueto), infatti, le ripercussioni portate nell’ambito familiare dall’inaspettata visione casalinga vanno dallo stupore nei confronti delle notevoli dimensioni del ragazzo, con le fattezze del Pietro Castellitto figlio dell’attore-regista Sergio, alle varie ricerche effettuate per capire cosa si nasconda dietro alla scelta di diventare pornostar.
Ed è dalle prime settanta pagine di E’ nata una star di Nick Hornby – autore già fonte d’ispirazione, tra gli altri, per Febbre a 90° (1997) di David Evans e About a boy - Un ragazzo (2002) di Chris e Paul Weitz – che prende spunto il lungometraggio diretto da Lucio Pellegrini, il quale aveva già avuto modo di lavorare con la protagonista nella sua opera d’esordio E allora mambo! (1999).
Lungometraggio che, toccando con ironia la tematica del comune cittadino improvvisamente ritrovatosi nell’universo delle luci rosse, va in un certo senso ad affiancarsi a poco noti esempi d’oltreoceano quali Orgazmo (1997) di Trey Parker e Bucky Larson - Born to be a star (2011) di Tom Brady, strappando risate soprattutto nel corso della sua prima parte.
Per il resto, sorvolando sulla prova di Castellitto jr, del tutto da dimenticare, pur offrendo un’ora e mezza circa che si lascia guardare più piacevolmente rispetto alle due precedenti commedie pellegriniane Figli delle stelle (2010) e La vita facile (2011), l’insieme sembra mancare in parte il bersaglio.
Complici una Littizzetto poco credibile nei risvolti malinconico-drammatici e il non troppo chiaro epilogo di una vicenda che, almeno, avrebbe necessitato di sviluppare meglio l’accennato discorso sulla necessità economica destinata a condurre i giovani sulla tanto facile quanto squallida strada dell’hard nell’Italia d’inizio XXI secolo.

La frase:
Nostro figlio ha il coso più grande che io abbia mai visto.
a cura di Francesco Lomuscio

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
3.   Oceani 3d
4.   Gli amori folli
5.   A Single Man
6.   Up
7.   The Last Song
8.   Nine
9.   G-Force: Superspie in missione
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)