Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Finalmente la felicità

Finalmente la felicità



Finalmente la felicità

Titolo Originale: Finalmente la felicità
Nazione: Italia
Anno: 2011
Genere: Commedia
Durata: 93'
Regia: Leonardo Pieraccioni
Sito ufficiale: http://www.virgilio.it/finalmentelafelicita/

Cast: Leonardo Pieraccioni, Ariadna Romero, Rocco Papaleo, Andrea Buscemi, Thyago Alves, Shel Shapiro, Maurizio Battista, Michela Andreozzi

Produzione: Levante e Medusa Film
Distribuzione: Medusa
Data di uscita: 16 Dicembre 2011 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 4 - Media Voto: 5 Stelle)



Finalmente la felicità racconta la storia di un professore di musica di Lucca (Pieraccioni) che chiamato dalla trasmissione di Maria De Filippi C'é posta per te, scopre che sua mamma, scomparsa da poco, aveva adottato a distanza una bambina brasiliana. Sono passati tanti anni e quella bambina adesso è una bellissima modella. Ora che la ragazza è in Italia per lavoro, vuole incontrare il suo fratello italiano. I due danno così vita ad un incontro imprevisto che sarà pieno di colpi di scena e di situazioni esilaranti: per esempio il professore di musica sostiene che la madre sia stata uccisa da Barbara Bouchet..! Ma come può essere mai possibile una cosa del genere? Insomma, quello della brasiliana e del professore di musica saranno due mondi a confronto, due modi di vedere la vita, ma sicuramente, alla fine, un unico obiettivo: capire perchè il destino ha voluto che loro due s'incontrassero.




Finalmente la felicità

Stranamente, l’immancabile Massimo Ceccherini fa soltanto una fugace comparsata all’interno del decimo lungometraggio diretto da Leonardo Pieraccioni, il quale, come di consueto, ricopre anche il ruolo del protagonista ritrovandosi, nel corso dei primissimi minuti di visione, convocato nella trasmissione televisiva di Maria De Filippi C’è posta per te.
Da qui, prima scopriamo che è Benedetto, professore di musica di Lucca, poi che sua madre, scomparsa di recente, aveva adottato a distanza una bambina brasiliana ora divenuta una bellissima modella; la quale, con le fattezze dell’esordiente Ariadna Romero e in Italia per lavoro, lo vuole incontrare.
Quindi, con un cast comprendente, oltre al veterano Shel Shapiro dei Rokes, il mai disprezzabile Rocco Papaleo nei panni di un grottesco autista di pullman e la televisiva Michela Andreozzi in quelli della vendicativa ex ragazza di Benedetto, tornano bene o male tutti gli elementi sfruttati dall’autore toscano – anche in questo caso co-sceneggiatore affiancato dall’inseparabile Giovanni Veronesi – fin dai tempi della pellicola d’esordio I laureati; dalla bellezza mozzafiato co-protagonista alla (sotto)trama sentimentale.
Ma, al di là del fatto che, come sempre, lo spettacolo che scorre sullo schermo si presenti tutt’altro che infarcito di volgarità, una volta tolta l’idea di partenza l’insieme procede a suon di situazioni e scenette che non faticano a rivelarsi decisamente fiacche e incapaci di spingere il pubblico a sprofondare in risate.
Tanto che, tra i pochissimi momenti divertenti, possiamo citare al massimo la sequenza sul treno che vede coinvolto il comico Maurizio Battista o quella che si svolge in camera insieme al bel Jesus alias Thyago Alves.
Per il resto, complice la solita poesia spicciola di taglio veronesiano tirata in ballo in particolar modo nella parte finale, soltanto una noiosa operazione che, nel ribadire che nella vita non vince solo la furbizia e che le cose arrivano se non ci si stanca di aspettarle, non riesce in alcun modo a lasciare intendere dove voglia andare a parare.

La frase:
Le donne son partiture troppo complicate, Mozart e Beethoven, in confronto, hanno solo scritto… mazurke.
a cura di Francesco Lomuscio

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
3.   Gli amori folli
4.   Oceani 3d
5.   A Single Man
6.   Up
7.   The Last Song
8.   Nine
9.   G-Force: Superspie in missione
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)