Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: C'è chi dice no

C'è chi dice no



Titolo Originale: C'è chi dice no
Nazione: Italia
Anno: 2010
Genere: Commedia
Durata: 95'
Regia: Giambattista Avellino
Sito ufficiale: www.cinema.universalpictures.it/website/cechidiceno
Social network: facebook

Cast: Luca Argentero, Myriam Catania, Paola Cortellesi, Paolo Ruffini, Giorgio Albertazzi, Claudio Bigagli, Marco Bocci, Max Mazzotta, Roberto Citran
Produzione: Cattleya
Distribuzione: Universal Pictures Italia
Data di uscita: 08 Aprile 2011 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 0 - Media Voto: 0 Stelle)



Tre ex compagni di scuola si ritrovano dopo vent'anni e si rendono conto che un nemico comune li perseguita: i raccomandati.
Max (Luca Argentero) è un giornalista di talento in un quotidiano locale che per arrotondare è costretto a scrivere sulle più improbabili riviste di settore; giunto a un passo dalla tanto agognata assunzione viene scalzato dalla figlia di un famoso scrittore.
Irma (Paola Cortellesi), pur essendo uno dei dottori più stimati dell'ospedale, vive grazie alle borse di studio, e proprio quando sta per ottenere il contratto le viene preferita la nuova fidanzata del primario.
Samuele (Paolo Ruffini) è una specie di genio del diritto penale, e dopo anni passati a fare da assistente-schiavo a un barone universitario è in procinto di vincere un concorso per ricercatore, ma - anche in questo caso - il posto gli verrà soffiato dal genero inconcludente del barone.
Dieci anni di esami, lauree e specializzazioni sembrano non essere serviti a niente, per questo i tre amici decidono di ribellarsi al sistema. E lo fanno prendendo di mira ciascuno il raccomandato dell'altro, così che nessuno potrà risalire a loro, e mettendo in atto piccole vendette e molestie quotidiane. All'inizio è quasi un gioco, ma il piano sembra funzionare e prendono coraggio, arrivando addirittura a far credere l'esistenza di un movimento - i Pirati del Merito - che si batte contro ogni forma di raccomandazione. Ma le cose inizieranno a sfuggirgli di mano…





L’Italia non è un paese per...meritevoli.
E’ una realtà ormai diffusa da anni nella società italiana, caratterizzata, come tutti sanno, dalla piaga sociale delle "raccomandazioni" o "segnalazioni". Un mercimonio sempre esistito, che fa la sua comparsa in bella vista ogni giorno fra i titoli dei giornali, tanto che forse si è giunti alla rassegnazione? Tante persone seppur meritevoli vedono passare avanti persone immeritevoli, solo perché sono "figli di...", così la vita passa studiando e lavorando e non si ritrovano nulla in mano. E’ questo il tema centrale di "C’è chi dice No", una commedia di carattere sociale che con allegria racconta la rabbia sorda di tanti "nessuno", ma stavolta la rivolta prende il posto della rassegnazione, la "Vendetta" nei confronti del raccomandato che ha sabotato la loro vita. I protagonisti sono tre ragazzi ex compagni di scuola che si rendono conto di essere perseguitati da un nemico comune: i raccomandati. Max (Luca Argentero) è un giornalista di talento in un quotidiano locale, che scrive anche su riviste improbabili per poter arrotondare lo stipendio e, proprio quando sta per essere assunto, si vede scalzare il posto dalla figlia di un famoso giornalista. Irma (Paola Cortellesi) è una stimata dottoressa che vive grazie a delle borse di studio, ma non riesce ad ottenere il contratto perché le viene preferita la fidanzata del primario. Samuele (Paolo Ruffini) è un avvocato specializzato in diritto penale che passa la vita a fare da assistente-schiavo ad un barone universitario, sperando di riuscire a vincere il concorso da ricercatore, peccato che l’agognato posto venga affidato all’inconcludente genero del barone di turno, in questo caso interpretato da uno straordinario Giorgio Albertazzi.
Stanchi di essere messi da parte, di vedere il loro talento bloccato, di sentirsi umiliati e sconfitti ben sapendo che fuori non c’è "nulla" per loro, ecco che decidono di fondare il movimento "I pirati del Merito" e, scambiandosi i raccomandati, cominciano a perseguitarli con scherzi e minacce: stalking.
Con toni caustici, brillanti, irriverenti e a volte politicamente scorretti il regista Avellino squarcia il velo della rassegnazione, dando vita ad un gioco un po’ sadico teso alla vendetta contro chi ha la raccomandazione, al grido: "Chi ti ruba il merito, non ti ruba solo il lavoro: ti ruba la vita". Già perché avere il "calcio" blocca inevitabilmente il talento degli altri. Traendo spunto dal titolo della canzone di Vasco Rossi, il film risulta ben equilibrato nel suo insieme, divertente, allegro e capace di far ridere e far partecipare emotivamente il pubblico, che forse almeno una volta nella vita ha desiderato "farla pagare" al "qualcuno" di turno, ma improvvisamente proprio verso il finale, c’è una battuta d’arresto. Il tono scherzoso e "satirico" cambia a favore di un registro diverso, inconcludente e più bonario, che crea uno stacco molto forte lasciando l’amaro in bocca. Sembra mancare il coraggio per l’atto finale perfido e ironico, contemporaneamente malinconico, tipico dei grandi maestri come Scola, Monicelli e Risi. Non è certo un finale lieto, ma ha dentro di sé uno spirito troppo buonista, che manca di mordente, tanto da cambiare improvvisamente l’impianto propositivo fino ad allora seguito. Il messaggio di cambiamento del sistema sembra essere surclassato dall’idea che è inutile ribellarsi, l’unico modo per vivere e vedere riconosciuto il proprio talento è andare all’estero, perché qui non c’è speranza. E’ inutile ribellarsi al sistema perché è troppo radicato, perché l’omertà e l’interesse vincono su tutto e tutti.

La frase: "Ma perché questa putt... è venuta qui a Firenze a fare il concorso invece che andare a fare i soldi in America?".

Federica Di Bartolo

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Gli amori folli
3.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
4.   A Single Man
5.   Oceani 3d
6.   Up
7.   Nine
8.   G-Force: Superspie in missione
9.   The Last Song
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)