Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Una cella in due

Una cella in due



Titolo Originale: Una cella in due
Nazione: Italia
Anno: 2010
Genere: Commedia
Durata: 90'
Regia: Nicola Barnaba
Sito ufficiale: www.unacellaindue.it

Cast: Enzo Salvi, Maurizio Battista, Massimo Ceccherini, Simona Borioni, Jane Alexander, Serena Bonanno, Gianni Ferreri, Nicole Murgia, Melita Toniolo, Sara Tommasi, Mario Corsi
Produzione: A&B Production, GM Production
Distribuzione: Iris Film
Data di uscita: 04 Marzo 2011 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 0 - Media Voto: 0 Stelle)



La strana coppia formata da Romolo (Enzo Salvi), un avvocato d’affari carente in deontologia professionale e Angelo (Maurizio Battista), un giovane disoccupato, approdato al crimine per disperazione, si vedrà costretta ad allearsi per sfuggire alla propria sorte. Il destino, infatti, non solo li rinchiuderà nella stessa cella, ma li obbligherà a compiere, tra gag, battute ed equivoci, un’evasione ricca di colpi di scena con un finale divertente ed inaspettato.




Prima dei titoli di testa, commentati dalla hit nineties "Saturday night" di Whigfield, abbiamo Enzo Salvi e Maurizio Battista in mezzo alla campagna in mutande, per scoprire immediatamente che il primo è un avvocato d’affari abituato a muoversi ai limiti della legalità, mentre il secondo un disoccupato approdato al crimine per disoccupazione.
Sono loro i due che si trovano a dividere la cella suggerita dal titolo del primo lungometraggio diretto da Nicola Barnaba, di cui ricordiamo con grande piacere gli short "Brutti sogni" e "Building", proiettati anche in un paio di Fantafestival di fine XX secolo.
Lungometraggio che, scritto dallo stesso Salvi insieme al Luca Biglione regista di "Ultimi della classe", tira in ballo non pochi volti noti della romanità popolare, dal re delle notti mondane capitoline Massimo Marino al Nicola Di Gioia visto nella trasmissione "Stracult", passando per Riccardo Angelini e Mario Corsi, conosciuti dai tifosi giallorossi come Marione e Galopeira.
E, al di là dell’immancabile manipolo di bellezze comprendente l’ex gieffina Melita Toniolo, la Simona Borioni de "Le ultime 56 ore" e la cattiva di "Elisa di Rivombrosa" Jane Alexander, rispettivamente nei panni della moglie, dell’amante e della segretaria di Salvi, è soprattutto Massimo Ceccherini – qui impegnato a concedere anima e corpo ad un grottesco galeotto psicopatico che ringhia e mangia scarafaggi – a spalleggiare la simpatica coppia di protagonisti.
Perché, con evidente riferimento sia ai Buddy movie statunitensi che alla tipica commedia all’italiana (ricordando, però, più i film di Franco e Ciccio che quelli con Gassman e Tognazzi), quello di Barnaba, che sfoggia una non disprezzabile regia, si rivela ben presto essere un film atto a puntare soprattutto sulle facce, attraverso una struttura a sketches che provvede a riempire i circa novanta minuti avviati dall’esile idea di partenza.
Novanta minuti al cui interno le volgarità sembrano essere quasi del tutto (e per fortuna) assenti, tanto che la tipologia di comicità, la quale riesce a strappare qualche risata tramite gag come quella in cui Battista compie la rapina o l’altra che lo vede insieme a Salvi trovarsi nel bel mezzo di una veglia funebre, finisce per strizzare l’occhio soprattutto al pubblico dei bambini (si pensi anche alla sequenza in cui i due indossano i costumi dello "Zoomarine").
Quindi, è anche e soprattutto a causa di quest’ultimo aspetto che la non esaltante sceneggiatura, culminante in un epilogo piuttosto simile a quello del parentiano "Natale a Miami", raramente riesce nell’impresa di divertire lo spettatore adulto.
Seppur al servizio di un’operazione tutto sommato gradevole e ben ritmata di cui, inoltre, non bisogna sottovalutare un certo fondo di amarezza relativo al triste universo lavorativo dell’Italia "raccomandata" d’inizio terzo millennio.

La frase:
- "Tu’ padre che lavoro faceva?"
- "Niente"
- "E te?"
- "Je davo ‘na mano".

Francesco Lomuscio

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Gli amori folli
3.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
4.   A Single Man
5.   Oceani 3d
6.   Up
7.   Nine
8.   G-Force: Superspie in missione
9.   The Last Song
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)