Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Fair Game (Caccia alla spia )

Fair Game (Caccia alla spia )



Titolo Originale: Fair Game
Nazione: U.S.A.
Anno: 2010
Genere: Azione, Drammatico
Durata: 106'
Regia: Doug Liman
Sito ufficiale:
Sito italiano: www.fairgame.it

Cast: Naomi Watts, Sean Penn, Ty Burrell, Bruce McGill, Michael Kelly, Brooke Smith, David Denman, Louis Ozawa Changchien, Geoffrey Cantor, Ashley Gerasimovich
Produzione: Zucker Productions, Weed Road Pictures, Fair Game Productions, Hypnotic
Distribuzione: Eagle Pictures
Data di uscita: 22 Ottobre 2010 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 0 - Media Voto: 0 Stelle)



Il film parla della storia di Valerie Plame, ex-agente della CIA, che dopo aver condotto delle indagini sulle armi di distruzione di massa, e dopo che queste informazioni vennero prese come pretesto per attaccare l'Iraq, vide la sua reputazione infangata per mano di alcuni membri del governo, dopo che suo marito Joseph, un ambasciatore, scrisse un editoriale sul New York Times per rendere conto di come erano andati realmente i fatti...



Un fatto vero per il regista Doug Liman: lo scandalo Plame, esploso negli States nel 2003. Naomi Watts e Sean Penn si calano nei panni della coppia Valerie Plame e Joseph ‘Joe’ Wilson: dai loro due libri gli sceneggiatori traggono ispirazione per questa spy story dai toni e modi liberal-retro.
Nell’ottobre 2001 Valerie è un’agente CIA sotto copertura, incaricata di verificare la presenza delle armi di distruzione di massa in Iraq. Una doppia vita: è sposata, con prole, con Joseph, diplomatico, esperto in questioni africane e mediorientali, inviato in Niger dalla CIA per trovare la conferma della vendita di uranio arricchito al regime di Saddam Hussein, che darebbe a George W. Bush la prova della fornitura del materiale per la fabbricazione delle famigerate armi e il ‘la’ per iniziare l’offeiva bellica. Solo che Joe non trova traccia di questi traffici: nulla dimostra che siano mai avvenuti. Il suo rapporto ufficiale viene reinterpretato secondo bisogno e Joe affida il suo j’accuse a un’editoriale del New York Times, in cui attacca pesantemente l’amministrazione Bush. Una settimana dopo un giornalista del Washington Post, Robert Novak, rivela l’identità di agente CIA della Plame, con la coeguente fine della carriera dell’agente. Iniziò così il Plamegate o Plame affair, uno scandalo vero e proprio che si risolse con la condanna di Lewis Libby - vicino al vicepresidente Dick Cheney - accusato di essere il respoabile della fuga di notizie su Valerie Plame.
Unico film americano in concoo al Festival di Cannes, Fair Game mette ancora una volta il dito nella piaga delle verità sottaciute e del ginepraio che è l’Iraq e la politica statunitee di George W. Bush. Gli sceneggiatori, i fratelli Butterworth, di fronte al pullulare di film analoghi, scelgono, per mantenere viva la teione, una prospettiva differente, l’occhio puntato sulla crisi privata e familiare, provocata dalle menzogne esterne, che minano la fiducia e la coesione della coppia. È da dimenticare il ritmo di The Bourne Identity del 2002, ma anche le défaillance di Mr. & M. Smith e Jumper: qui Doug Liman abbandona volutamente l’azione, per concentrai su una frenesia tutta legata alle dinamiche di coppia, che sono specchio e risultato paradigmatico della politica della menzogna. Quindi se i toni sono meno serrati dal punto di vista di action, si concentrano tutti nel parossismo alla ricerca della verità e della salvezza della propria dignità, per se stessi e per la propria famiglia. Lo stile si rifà a quello dei classici di spionaggio e di denuncia socio-politica degli anni Settanta: richiamati perfino dalla fotografia, dalle inquadrature, dai dialoghi, che non possono non ricordare capolavori liberal di quegli anni, quali i film interpretati dal grande Robert Redford.

La frase: Da mesi ci si lascia dei post-it… Noi ci parliamo tramite post-it, il frigorifero assomiglia a un fermoposta.
Donata Ferrario

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
3.   Gli amori folli
4.   Oceani 3d
5.   A Single Man
6.   Up
7.   The Last Song
8.   Nine
9.   G-Force: Superspie in missione
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)