Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Il figlio più piccolo

Il figlio più piccolo



Titolo Originale: Il figlio più piccolo
Nazione: Italia
Anno: 2010
Genere: Commedia, Drammatico
Durata: 100'
Regia: Pupi Avati
Sito ufficiale: www.ilfigliopiupiccolo.it

Cast: Christian De Sica, Luca Zingaretti, Nico Toffoli, Laura Morante, Nicola Nocella, Sydne Rome, Gisella Marengo, Massimo Bonetti, Alberto Gimignani, Pino Quartullo
Produzione: Duea Film, Medusa Film
Distribuzione: Medusa
Data di uscita: 19 Febbraio 2010 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 1 - Media Voto: 1 Stelle)



Un imprenditore truffaldino, mosso dal suo attaccamento al denaro, porta la sua holding verso il fallimento. Nel tentativo di salvare il salvabile, segue il consiglio del suo disonesto commercialista intestando al figlio la proprietà delle società in pericolo...



Il figlio più piccolo fa parte di una trilogia ideata da Pupi Avati sulla figura paterna. Il primo era La cena per farli conoscere, il secondo Il papà di Giovanna. Figure paterne dunque troppo assenti o troppo presenti; protagonisti comunque di rapporti disfunzionali in cui il padre è una figura nociva o, nel migliore dei casi, del tutto irrilevante.

Nel caso de Il figlio più piccolo, il padre interpretato da Christian De Sica è una specie di sintesi tra i padri delle pellicole precedenti: del tutto mancante in principio e molto presente nella conclusione, per scopi peraltro tutt'altro che nobili.

E' difficile affrontare serenamente la recensione de Il figlio più piccolo, perché la scuderia Avati non solo è tenuta in altissima considerazione nel panorama cinematografico italiano, ma è anche, per certi versi, non criticabile. Eppure, su un film come questo non si può che registrare la caduta di un tale mostro sacro. Sin dal principio ci troviamo davanti una messa in scena mediocre, una regia metodica ma priva di originalità e un supporto tecnico quanto meno approssimativo. A coronare questo quadro tutt'altro che roseo troviamo una recitazione convincente quanto una torta nuziale in un cimitero. La colpa, ahinoi, non è degli attori ma di quell'italico, atavico vizio del ri-doppiaggio, il nemico giurato di ogni immediatezza interpretativa (in alcuni casi, le voci sono palesemente fuori sincronia). Evidentemente Avati non sa che in Italia ci sono dei bravi fonici di presa diretta, oppure, viene da pensare, semplicemente non gli interessa. Il suo unico interesse sembra quello di perpetuare un cinema italiano antico e antiquario, in cui vengono rappresentati personaggi e situazioni che forse trent'anni fa avevano ragione d'essere ma che oggi sono del tutto privi di mordente. Le scene in automobile realizzate nei teatri di posa poi, si penserebbe siano dei reperti degli anni '50... Pupi Avati fa ricredere anche su questo.

Lasciando da parte la palese misoginia che aleggia dietro al personaggio interpretato da Laura Morante, anche gli altri personaggi sono costruiti in maniera ambigua, reali ma fino a un certo punto, grotteschi ma non del tutto. Tipico è l'esempio del personaggio di Zingaretti, il cui spessore è dato da una serie di accumuli pittoreschi e impressionistici, ma del tutto fini a se stessi. Il fatto che poi De Sica interpreti un immobiliarista è poi la spia di un grande difetto nostrano: prendersela con i potenti sì, ma solo con quelli che sono già caduti. Soltanto Nicola Nocella riesce a dare uno squarcio di autenticità e di spessore al protagonista di una storia, purtroppo, del tutto dimenticabile.

La frase: Con le mamme le promesse non valgono.

Mauro Corso

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Gli amori folli
3.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
4.   A Single Man
5.   Oceani 3d
6.   Up
7.   Nine
8.   G-Force: Superspie in missione
9.   The Last Song
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Il Richiamo della Foresta
  1917
  Odio l estate
  Pinocchio
  Tolo Tolo
  Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle
  Il primo Natale
  Tutto il mio folle amore
  La Famiglia Addams
  Sono Solo Fantasmi

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)