Homepage Homepage Homepage Homepage
Home       Film Programmazione      Archivi Film -. Eventi       Sezioni Posters
Sezione Film
° Home


 Programmazione
° Film in programma
° Prossimi Film
° Cineforum

Sezioni
° Elenco Trailers
° Elenco Posters
° Archivio Film

1 2 3
4 Sezione Eventi 6
7 8
9
10
° Eventi in Digitale
° CineMerenda
° Rassegne Teatrali

 Agorà TM 2019
 ° Spettacoli
 ° Abbonamenti

° Archivio Eventi
12
13

Sezione Informativa
° News
° Informazioni e foto
° Biglietti e orari
° Dove Siamo
° Contatti
° Mailing List

Info
Parlano di noi:
Proloco Robecco s/N
Sale della comunita

Informazioni:
Tutte le notizie, recensioni e immagini riguardanti i film
sono prese da:

Filmup.com

Scheda Film: Maleficent - Signora del Male

Maleficent - Signora del Male



Titolo Originale: Maleficent: Mistress of Evil
Conosciuto anche come:
Nazione: U.S.A.
Anno: 2019
Genere: Fantastico
Durata: 118'
Regia: Joachim Rønning
Sito ufficiale: www.disney.it/film/maleficent-signora-del-male

Cast: Angelina Jolie, Elle Fanning, Michelle Pfeiffer, Juno Temple, Ed Skrein, Chiwetel Ejiofor, Imelda Staunton, Teresa Mahoney, Harris Dickinson, Lesley Manville, Sam Riley
Produzione: Roth Films, Walt Disney Pictures
Distribuzione: Walt Disney
Data di uscita: 17 Ottobre 2019 (cinema)


Trailer: Trailer

(Opinioni presenti: 0 - Media Voto: 0 Stelle)



Questa avventura epica inizia diversi anni dopo gli eventi di “Maleficent”, in cui abbiamo scoperto che cosa indurì il cuore della cattiva Disney più celebre al punto di spingerla a perseguitare la piccola Principessa Aurora. Questa volta esploriamo la relazione fra Malefica e Aurora, fra nuove alleanze e sfide ancora più difficili, nella lotta per proteggere la brughiera e le magiche creature che la popolano.

Film correlati:
Maleficent



C’era una volta, o forse due…
Almeno fino al 2014, c’era una volta la bella addormentata nel bosco protagonista dell’omonima fiaba tradizionale che, nota sulla carta nella versione di Charles Perrault e nell’ambito della Settima arte in quella animata targata Disney, si ritrovava vittima, appunto, di un sonno profondo a causa di un incantesimo lanciatogli dalla strega Malefica.
Bella addormentata di nome Aurora e che, appunto, da quell’anno assunse sul grande schermo i connotati di Elle Fanning in “Maleficent” di Robert Stromberg, non semplice rilettura live action, ma operazione che volle apparire, al contempo, in qualità di prequel e adattamento alternativo della storia da tutti conosciuta.

L’Aurora che scoprivamo essere figlia del re Stefano interpretato da Sharlto Copley e cresciuta sotto la protezione di tre fate buone; man mano che l’insieme si concentrava in particolar modo sulla genesi di Malefica, antagonista la cui negativa metamorfosi si rivelava conseguenza di angherie e tradimenti subiti da parte di spietati individui avidi di potere.
Antagonista incarnata dalla stessa Angelina Jolie che torna in questo sequel sotto la regia del Joachim Rønning occupatosi, tra l’altro, di “Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar”, il quale osserva: “In ogni storia, quello che cerco è il nucleo emotivo, il cuore di essa. Uno dei motivi per cui il primo ‘Maleficent’ ha avuto un così grande successo è perché raccontava un viaggio molto forte e realistico dal punto di vista emotivo.
Nella nostra storia, Aurora sta sostanzialmente lasciando la propria casa, cosa che tutti i genitori temono, e Malefica non fa differenza”.
Infatti, Malefica si trova qui a vivere un’esistenza pacifica nella Brughiera proprio insieme ad Aurora; almeno fino al giorno in cui il principe Filippo alias Harris Dickinson non chiede a quest’ultima di convolare a nozze.

Ed è da questo momento che troviamo in scena la nuova arrivata Michelle Pfeiffer nei panni della regina Ingrid di Ulstead, la quale, intenzionata proprio a sfruttare il matrimonio al fine di separare per sempre gli esseri umani dalle fate, non può fare altro che gettare i primi semi di una guerra destinata a scatenarsi in breve tempo.
Man mano che Aurora e Malefica si chiedono se sia realmente possibile essere una vera famiglia e che, tra atmosfera darkeggiante garantita dalla fotografia di Henry Braham e maestoso comparto scenografico, lo schermo si popola di più o meno simpatiche creature magnificamente animate.

Del resto, stiamo parlando di una produzione milionaria sfornata dalla major di Zio Walt, sarebbe quindi anormale trovarsi ad un’operazione carente proprio dal punto di vista visivo e degli effetti speciali; ma, come avvenuto nel capitolo precedente, l’impressione generale è che, nonostante l’abbondanza di movimento, risulti quasi assente una reale capacità di coinvolgere lo spettatore.
Quindi, il rischio di noia è continuamente dietro l’angolo e, tanto per rincarare la dose, al curioso sottotesto di taglio femminista già presente nel capostipite vanno ad aggiungersi evidenti messaggi antirazzisti e d’impegno ecologista che sembrano, però, un po’ troppo forzatamente e banalmente inseriti nel contesto generale.
La frase dal film:
“Ve l’avevo detto, questa non è una favola”

Go Back - Stampa

Preferenza
 

 
Follow us to...

Film + cliccati
1.   A Christmas Carol
2.   Gli amori folli
3.   Oceani 3d
4.   A Single Man
5.   Genitori & Figli - Agitare bene prima dell'uso
6.   Up
7.   G-Force: Superspie in missione
8.   Nine
9.   The Last Song
10.   L'uomo nell'ombra

Ultime schede
  Sono Solo Fantasmi
  Downton Abbey
  Maleficent - Signora del Male
  Se mi vuoi bene
  Yesterday
  Mio Fratello Rincorre i Dinosauri
  Il Re Leone 2019
  Aladdin
  Cyrano mon amour
  Avengers: Endgame

P.zza XXI Luglio - Robecco sul Naviglio (MI)